Roberto Saviano annuncia l’uscita a Dicembre, durante il natale 2016, del suo nuovo libro: “La paranza dei bambini”. La notizia è stata diffusa prima sui social, su Facebook, dove l'autore è da sempre impegnato nei dialoghi con i suoi lettori e fan e su Twitter. Terzo Romanzo fiction, come dichiara l'autore, che segue il genere degli altri due libri da lui scritti: "Gomorra" e "Zero Zero Zero",  sarà pubblicato dalla Feltrinelli. Il lavoro racconta degli emergenti boss della camorra, poco più che bambini, in uno scenario che sembra surreale, ma che è incredibilmente specchio della triste realtà che ci circonda, cruda e spietata. 

Estratti del libro

Estratti del libro fiction sono stati pubblicati il 31 Luglio su Repubblica e sul Quotidiano, accompagnati dalle illustrazioni fumettistiche di Alessandro Rak, ed offrirebbero anticipazioni su un capitolo dell’opera, intitolato “Addà murì mammà”, espressione molto comune tra i ragazzi a Napoli, usata per giurare verità.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Rap

Il 7 Agosto verranno pubblicati altri estratti del capitolo.

La paranza: “le barche che cacciano i pesci ingannandoli con la luce”

Il romanzo racconta di un gruppo di ragazzi che controllano i quartieri di Napoli e sparano sulla gente, attraversando veloci le strade con i loro scooter, armati di AK47 e pistole semiautomatiche, determinati a spadroneggiare sulla città.

Sono giovani che rimangono impassibili difronte alla morte, a cui non importano i rischi che corrono, come quello di una condanna e la prospettiva del carcere; i soldi sono più importanti della loro libertà e della loro stessa vita. Il filo conduttore del romanzo è proprio questo, esser pronti al sacrificio più estremo: morire, pur di riuscire a ottenere le ricchezze a cui si anela. Come la paranza è la barca che cerca pesci da pescare, questi giovani sono le ombre che cercano persone da uccidere, feroci personaggi della malavita napoletana; secondo l'inchiesta dei Pm Henry John Woodcock e Francesco De Falco un vero e proprio clan, che lo scorso 15 giugno ha affrontato 43 condanne.