Le vere origini di Halloween si perdono nella notte dei tempi. Gli antichi romani celebravano commemorazioni funebri durante il periodo autunnale, ed il 29 ottobre si onorava Vertumno, dio della maturazione dei frutti e del mutamento stagionale, collegato a Pomona, dea dei frutti, celebrata fra settembre ed ottobre. Questa celebrazione, grazie agli scambi commerciali fra romani e celti, andò inevitabilmente a fondersi con la festa celtica di Samhain (sam-fuin: fine dell'estate), celebrata dai celti da sempre, che rappresentava la commemorazione dei propri antenati, ma segnava anche la chiusura di un anno e l'inizio di un altro e l'arrivo dell'inverno, la stagione morta, che si ricollega alla necessità di ricordare anche i propri defunti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Rap

Questa celebrazione era ormai radicata profondamente in tutta Europa, ed i celti, come i romani, la onoravano con devota tradizione. Ma la chiesa, dopo secoli di tolleranza forzata, decise di spostare la festa dei santi dal 13 maggio al primo novembre, per sostituirla a quella pagana.

Siamo nell'anno 738, e nonostante questi bruschi cambiamenti, le popolazioni continuarono con i rituali di sempre; falò, candele, travestimenti... nessuno era disposto a rinnegare le proprie radici. Il colonialismo (1600) fece si che queste tradizioni europee sbarcassero anche in America, dando modo a quest'ultima di appropriarsi della festa, trasformandola in Halloween (all hallows eve; notte di tutti gli spiriti sacri), e dandogli tradizioni e significati propri, mantenendo però le radici europee.

La rapa che i celti utilizzavano per inserire il lumino si sostituì alla zucca, abbondante nel Nord America nel periodo autunnale. Nasce quindi un simbolo riconoscibile in tutto il mondo: la jack'o'lantern, la zucca intagliata. Tornando in Italia, dagli inizi del novecento, le tradizioni europee di samhain non erano mai state abbandonate; bimbi travestiti in cerca di dolcetti, falò, zucche intagliate con lumini.

I migliori video del giorno

I festeggiamenti in Italia abbondavano, anche se alcune regioni hanno dato usanze e nomi diversi alla festività. Tutta l'Europa, come tutta l'Italia, affonda le proprie radici nelle tradizioni celtiche. L'Italia è stata legata a Samhain, fino a pochissimo tempo fa, e chi conosce le vere origini di Halloween sa che non è una festa americana. Vorrei ricordare a tutti coloro che gridano al nazionalismo ed al mantenimento delle "proprie tradizioni" che la festa di Halloween non è "un'americanata"; la zucca è irlandese, Samhain è celtica. Riconoscere le proprie radici europee equivale ad abbandonare l'atteggiamento infruttuoso che espande soltanto notizie false; "Io non festeggio Halloween, ma i morti perché sono italiano". È la stessa cosa! I nostri antenati, onoravano questa festa, onoravano i cicli della natura e della terra, onoravano le tradizioni portate avanti dagli antichi culti pagani. Le tradizioni sono una vera e propria ricchezza, un'identità, che se persa o rinnegata, genera ignoranza.