Lo hanno annunciato sulla loro pagina ufficiale Facebook. I Pink Floyd si riuniranno a supporto della causa palestinese. O, almeno, saranno i tre componenti superstiti a riunirsi. Infatti il tastierista Richard Wright è morto nel 2008, mentre Syd Barret, che abbandonò la formazione già dopo il primo album, è deceduto nel 2006. Roger Waters, David Gilmour e Nick Mason porteranno avanti la bandiera di uno dei più rivoluzionari gruppi che la musica abbia mai conosciuto.

L'ultima reunion risale al 2005, in occasione di un'altra causa benefica, quella del Live 8. In quell'occasione c'era anche Richard Wright. Roger Waters aveva lasciato la formazione nel 1985 per intraprendere la carriera solita. La formazione si è ufficialmente sciolta nel 1995, dopo la pubblicazione dell'album live “Pulse”.

Nel 2014, in occasione della pubblicazione dell'album “The Endless River” si riunirono Gilmour e Mason.

I Pink Floyd sosterranno il gruppo di attiviste The Women’s Boat to Gaza

pink floyd hanno deciso di tornare insieme in supporto di un gruppo di attiviste filo-palestinesi. I temi sociali, della guerra, dell'incomunicabilità sono stati una costante per queste star. Lo stesso Roger Waters, da tempo sostenitore dei diritti dei palestinesi, perse il padre durante la seconda guerra mondiale, ad Anzio. Questo fatto ha segnato fortemente il pensiero del bassista e cantante del team.

Il gruppo di attiviste che i Pink Floyd intendono supportare si chiama The Women’s Boat to Gaza. E' un gruppo di donne provenienti da tutto il mondo che lo scorso mese si sono imbarcate a Barcellona per dirigersi verso la Striscia di Gaza, drammatico teatro di guerra tra Israele e Palestina. L'obiettivo delle attiviste è quello di portare all'attenzione del mondo il blocco navale israeliano sulla Striscia di Gaza, in vigore dal 2007.

I migliori video del giorno

Si tratta di una campagna promossa dalla Freedom Flotilla Coalition, che si definisce come 'una base del movimento di solidarietà people-to-people caratterizzata da campagne e iniziative provenienti da tutto il mondo che lavorano insieme per porre fine all'assedio di Gaza'. Nei giorni scorsi, la marina israeliana avrebbe intercettato l'imbarcazione delle attiviste, tra le quali a bordo c'era Mairead Maguire, premio Nobel per la pace. Non sono ancora noti i tempi e i modi in cui i Pink Floyd sosterranno questa causa. Il gruppo britannico è comunque al lavoro per realizzare questo progetto.