Il concept album “The Wall” dei pink floyd è ormai famosissimo ed è considerato da molti appassionati come uno dei più importanti lavori del suddetto gruppo inglese e una delle vette di tutta la storia del rock.

Questo grandioso doppio album monotematico uscì nel 1979, cioè quando i Pink Floyd avevano già prodotto cose magnifiche (come gli album “Meddle” e “The Dark Side Of The Moon”) e dopo che la band aveva già conosciuto delle vicissitudini rilevanti (come l’abbandono dell’estroso Syd Barrett e l’arrivo di David Gilmour, uno dei più grandi chitarristi rock di sempre).

Un concept album unico

“The Wall” si impose subito all’attenzione di tutti per la variegata e accattivante sonorità, per i testi magnifici di Roger Waters e per la tematica esistenziale che rasenta addirittura la psicoanalisi.

Sì, la psicoanalisi, perché Pink, la rockstar protagonista della storia narrata e cadenzata dai brani, ricordando la sua infanzia di orfano di guerra e di scolaro perseguitato da insegnanti dispotici, vive una crisi esistenziale profonda, che lo porta ad isolarsi nell’egoismo e nella paura e a costruire un metaforico muro intorno a sé.

La storia di Pink, che comincia con il racconto del rapporto morboso del protagonista con la madre iperprotettiva (in “Mother”), tocca diverse fasi esistenziali: il periodo della scuola, come già detto (in "The Happiest Days Of Our Lives"), ma anche varie crisi, sentimentali e di altro tipo, dell’età adulta (in "One Of My Turnes").

Il grande valore artistico di questo doppio album

I ritmi spaziano dall’hard rock di "Young Lust" e di "Another Brick In The Wall (Part 3)" fino alle ballate memorabili di "Goodbye Blue Sky" e di "Nobody Home", passando per “Hey You” e per quel capolavoro nel capolavoro che è "Comfortably Numb".

Tutta la band, poi, è in stato di grazia: Roger Waters rivela delle doti interpretative e vocali inedite (in"Don't Leave Me Now" e nell’allucinata "Run Like Hell"); David Gilmour, con la sua chitarra, raggiunge quasi la perfezione; infine, Richard Wright, alla tastiera, e Nick Mason, alla batteria, completano e impreziosiscono ulteriormente il risultato finale.

La riflessione espressa da “The Wall” è sostanzialmente questa:bisogna abbattere i muri di egoismo che edifica questa nostra società malata, che è incentrata sulla massificazione e sull’indottrinamento consumistico giovanile e che conduce molte persone alla frustrazione e alla perdita di identità.

Si tratta, insomma, di un’”opera rock” memorabile e priva di sbavature (della quale esiste anche una validissima versione cinematografica con Bob Geldof come protagonista) che rimarrà per sempre come una pietra miliare nella storia del rock.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto