Il Doodle Google di oggi 29 novembre 2016 celebra il 184° anniversario della nascita di Louisa May Alcott, la scrittrice e poetessa americana autrice di molti Libri fra i quali troviamo il famoso titolo semi-autobiografico "Piccole Donne" del 1868. Ma non fu solo autrice: la Alcott, nata a Germantown in Pennsylvania e cresciuta in una famiglia nella quale il padre era il famoso filosofo Amos Bronson e la madre l'attivista e suffragetta Abby May, fu a sua volta impegnata a favore dell'abolizionismo della schiavitù e a favore del suffragio femminile.

Biografia di Louisa May Alcott

La scrittrice era la seconda di quattro sorelle: la primogenita era Anna Alcott, la terzogenita Elizabeth Sewall e Abigail May era la più piccola.

Dopo numerosi trasferimenti, la famiglia Alcott si stabilì in modo definitivo a Concord nel 1840 dove Louise May ebbe come insegnanti e amici nomi di spicco quali Ralph Waldo Emerson, Henry David Thoreau e Margareth Fuller. Purtroppo le condizioni economiche in cui versavano portò la scrittrice a lavorare fin da giovane. Il periodo peggiore della sua vita però iniziò a partire dagli anni '50 del 1800. Nel 1857 meditò il suicidio perché non riusciva a trovare lavoro. L'anno successivo la sorella Lizzie (Elizabeth) morì a soli 22 anni dopo essersi ammalata di scarlattina. Nel 1877 morì la madre seguita nel 1879 da May, la sorella più piccola. La donna perì per febbre puerperale a 38 anni, a un mese e mezzo dalla nascita della sua piccola Lulù della quale Louise si prese cura fino alla sua morte.

I migliori video del giorno

La sua scomparsa avvenne a Boston il 6 marzo 1888 e, nonostante inizialmente fosse stata imputata alla meningite, la vera causa della morte della Alcott fu l'avvelenamento da mercurio. La sostanza tossica le era stata iniettata per curare la febbre tifoide mentre faceva l'infermiera durante gli anni della Guerra Civile Americana.

'Piccole Donne' e gli altri libri di Louisa May Alcott

Fra i libri di Louisa May Alcott quello di maggior successo fu sicuramente Piccole Donne (titolo originale: Little Women: or Meg, Jo, Beth and Amy) scritto in soli 3 mesi a cavallo fra il 1868 e il 1869. Per redigerlo si ispirò a fatti divertenti e reali accaduti a lei e le sue sorelle durante la sua infanzia a Concord. Il libro narra la storia di Margareth (Meg, che rappresentava Anna Alcott), May (anagramma di Amy, era la caratterizzazione di Abigail May), Beth (Elizabeth) mentre per sé aveva riservato il personaggio di Jo.

A questo libro ne seguirono altri che ripercorrevano la crescita delle protagoniste: nel 1869 fu pubblicato Piccole Donne Crescono (Good Wives), nel 1871 Piccoli Uomini (Little Men: Life at Plumfield with Jo's Boys) e nel 1886 I ragazzi di Jo. La sua bibliografia conta numerosi romanzi e opere delle quali alcune sono state pubblicate anche in Italia.

Fra di esse troviamo:

  • L'eredità (1849, titolo originale "The Inheritance") ed. Jo March, 2015
  • Mutevoli umori (1865, revisionato nel 1882, "Moods") Bollati Boringhieri, 1995
  • La chiave misteriosa e il segreto svelato (1867, "The Mysterious Key and What It Opened") ed. RCS Rizzoli libri, 1996
  • Gli otto cugini (1875, Eight Cousins o The Aunt-Hill) ed. Marzocco, 1951
  • Sotto i lillà (1878, Under the Lilacs) ed. Carabba, 1928

Curiosità

Il libro The Inheritance fu scritto nel 1849 e pubblicato postumo nel 1997. Louise May Alcott scrisse anche 4 libri con lo pseudonimo di A. M. Barnard. In questi brevi scritti, redatti in stile popolare, le atmosfere erano più gotiche. Dal libro Piccole Donne negli anni '80 fu prodotta una serie tv anime che contava un totale di 26 puntate. Il cartone animato fu trasmesso a partire dall'aprile del 1981 in prima visione dalla rete giapponese Tokyo 12 mentre in Italia andarono in onda su Canale 5 a partire dal 1982.