Il film qua la zampa uscito nelle sale ieri 19 gennaio ha ricevuto una valanga di critiche negative. Diretto dal regista di "Hachiko", narra della storia di un amabile cane e delle sue avventure quando cambia padrone e rinasce in altri cani. L'obiettivo del film è mostrare proprio l'amore e l'affetto che si prova per gli Animali e come l'uomo si leghi sentimentalmente a loro, tanto da trovare nel cane un fedele amico. Ma se il film tenta di ispirare tutto ciò, al contrario gli animalisti chiedono proprio agli amanti degli animali di boicottarlo.

Boicot Qua la zampa

La polemica contro il film Qua la zampa è nata dagli animalisti PETA che sta per People for Ethical Treatment of Animals.

L'associazione infatti ha commentato il video girato sul set in cui si vede il pastore tedesco di nome Hercules forzato ad entrare in acqua. Il cane nel video fa un'evidente fatica a rimanere a galla e ad un certo punto viene sommerso dalle onde e necessita di un intervento dal personale del film. Intanto però dopo questa bufera sollevata dagli animalisti, la produzione ha inviato un comunicato stampa in cui afferma che tutti gli animali presenti nel film sono stati trattati bene e che è il video ad essere montato male. Secondo la produzione, le scene di Hercules in acqua sono molte e quando il cane mostrava la sua non volontà di proseguire, le riprese venivano rimandate.

Le dichiarazioni del produttore

Stranamente però proprio Gavin Polone, produttore del film Qua la zampa, dichiara di essere disgustato dopo aver visto il video di Hercules.

I migliori video del giorno

Polone infatti è un grande attivista e amante degli animali e non riesce a dimenticare le scene che ha visto. Dopo essersi assicurato che il cane stia bene e goda di una buona salute, il produttore si è detto infuriato con gli addetti ai lavori. Infatti nella sua dichiarazione afferma che qualcuno non ha fatto il suo lavoro, ma è pagato profumatamente per farlo. In definitiva quindi anche il produttore si dichiara d'accordo con la PETA. Dopo queste dichiarazioni del produttore sarà difficile guardare il film.