2

E' uscito a partire dal 23 febbraio 2017, ma a Crotone arriva in questi giorni in programmazione uno dei film più attesi della primavera. Un titolo che rende al meglio l'essenza della pellicola, parliamo di "Beata Ignoranza" opera cinematografica firmata dal regista Massimiliano Bruno con principali interpreti e protagonisti due professori che portano i nomi di attori d'eccellenza come Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Una pellicola irriverente, che mischia la vecchia scuola alle nuove tecnologie soffermandosi ampiamente sulle piattaforme social network. Un film, che annovera tra gli altri un cameo, una sequenza che porta in auge la rivalità calcistica in terra di Calabria con il Crotone e la sua cittadina a farla da padrona.

Il proff che ama Crotone

A fare discutere negli ultimi giorni sopratutto sulle pagine dei social network è però una scena del film, nella quale Marco Giallini che interpreta il ruolo del professore Ernesto, parla del suo amore per la città di Crotone dove si è recato in vacanza, sentimento espresso attraverso la sua pagina Facebook. Una esternazione che nel film sembra però non piacere ad un tifoso del Catanzaro che lo apostrofa in cattivo modo tanto da spingere il professore a riflettere sull'accaduto e domandarsi dove abbia sbagliato, fino a giungere ad una conclusione goliardica: "Ma perché, ma dico, Catanzaro ha pure una squadra di calcio?”.

Una scena questa dell'attore che gli ha attirato le simpatie del pubblico di Crotone e che d'altro canto ha riportato in auge la storica rivalità calcistica tra le due cittadine della Calabria che vede in questo momento il Crotone, nonostante la precaria situazione di classifica [VIDEO], protagonista in Serie A e il Catanzaro, squadra ormai decaduta del calcio regionale a cercare di galleggiare nella zona Play-Out del girone C di Lega Pro.

I migliori video del giorno

Un film che è atteso a Crotone dove l'uscita è fissata in questi giorni e che riporta alla mente l'esperienza dell'Armata Brancaleone film girato anche a Crotone da Vittorio Gassmann, padre di Alessandro, anche lui protagonista del film.