Le 6 misure utilizzabili per la pensione nel 2019

Pensioni: tutte le vie di uscita del 2019 con i requisiti aggiornati alle nuove disposizioni.
Pensioni: tutte le vie di uscita del 2019 con i requisiti aggiornati alle nuove disposizioni.

Con l’entrata di quota 100 nel sistema previdenziale, aumentano le vie possibili per lasciare il lavoro l’anno prossimo.

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
L'oroscopo del 28 gennaio, 2^ parte: Pesci romantici

Il 2019 sarà un anno di sensibili cambiamenti per il mondo previdenziale nostrano. Con il via di quota 100 e con la riattivazione di opzione donna, aumentano le vie offerte dal sistema ai lavoratori per andare in pensione. Cambiamenti dicevamo, perché oltre alle nuove misure che nasceranno con decreti collegati alla legge di Bilancio, anche le misure già in vigore prevedono mutamenti in termine di requisiti di accesso.

1

Le coperture finanziarie sono già certe

Siamo ancora alle ipotesi, perché ad oggi della misura si sa solo lo stanziamento economico della legge di Bilancio. Il governo ha destinato 6,7 miliardi al capitolo pensioni della manovra, da utilizzare in stragrande maggioranza per quota 100 e poi per opzione donna. Queste infatti sono le due uniche novità che entreranno in azione l’anno venturo. Opzione donna in realtà non è una vera e propria novità dato che si tratta di una proroga.

2

Come andare in pensione con quota 100

Quota 100 permetterà di andare in pensione con una età minima di 62 anni e con una dotazione di contributi previdenziali versati di 38 anni. Le combinazioni possibili saranno 62+38, 63+38, 64+38 e così via fino a 66 anni. La misura prevede anche il meccanismo delle finestre, con la prima, destinata a chi raggiunge la combinazione a lui utile entro la fine del 2018, che partirà ad aprile 2019. Poi finestre trimestrali, salvo che per gli statali le cui finestre saranno semestrali.