Buone notizie in arrivo per circa tre milioni e mezzo di pensionati che a luglio 2017 si vedranno accreditata la quattordicesima mensilità sulla propria pensione.

L'istituto nazionale della previdenza sociale ha infatti pubblicato sul suo sito istituzionale un messaggio con il quale conferma e chiarisce quanto stabilito dal Governo con la legge di bilancio 2017; la prima novità è rappresentata dall'aumento della quattordicesima mensilità 2017 per tutti i pensionati che ne avevano già diritto, l'importo spettante che sarà percepito a luglio 2017 ammonterà a euro seicentocinquantacinque per i pensionati che hanno svolto attività di lavoro dipendente per oltre venticinque anni (per i lavoratori autonomi il requisito necessario è, invece, di oltre ventotto anni).

Quanto e a chi spetta la quattordicesima a luglio del 2017

La quattordicesima mensilità spetta a tutti i pensionati che hanno superato l'età di sessantaquattro anni e hanno un reddito annuo che non eccede due volte e mezzo il trattamento minimo corrisposto dall'Inps. L'importo da non superare per il 2017 è, quindi, di 13.041,14 euro; tale importo è da considerarsi al lordo delle ritenute fiscali subite e si riferisce al reddito personale del pensionato e non a quello coniugale.

Gli importi spettanti per la quattordicesima variano in base agli anni di contributi versati prima del pensionamento e al reddito prodotto:

Per i pensionati con redditi pari o inferiori a 9.786.86 (che già percepivano la quattordicesima) gli importi sono i seguenti:

  • Fino a 15 anni di contributi euro 437,00
  • Da 15 a 25 anni di contributi euro 546,00
  • Oltre 25 anni di contributi (o 28 come detto sopra) euro 655,00

Per i pensionati con reddito superiore a 9.786.86 e fino a 13.049,14 spetteranno invece i seguenti importi:

  • Fino a 15 anni di contributi euro 336,00
  • Da 15 a 25 anni di contributi euro 420,00
  • Oltre 25 anni di contributi euro 504,00 (per gli automi oltre 28 anni).

Gli importi della quattordicesima verranno erogati a luglio prendendo come riferimento il presuntivo del reddito prodotto per il 2017; successivamente l'Inps provvederà ad accertare l'effettiva spettanza dell'importo attraverso la verifica reddituale procedendo all'emissione dei modelli Red che dovranno essere compilati dai pensionati (attualmente sono in verifica i redditi del 2015).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto