E’ in arrivo uno sciopero dei treni per il 26 e 27 novembre. Questa volta, il venerdì nero per i pendolari che utilizzano le ferrovie per i loro spostamenti avrà inizio alle ore 21 di giovedì 26 novembre e durerà fino alle ore 18 di venerdì 27 novembre. Sono questi gli orari del nuovo sciopero dei treni proclamato dai sindacati CUB Trasporti, USB lavoro Privato e CAT (Coordinamento Autorganizzato Trasporti), che causerà non pochi disagi a lavoratori e studenti, viaggiatori abituali sulle tratte locali e regionali nei giorni feriali.

Vediamo di seguito quali sono le motivazioni che hanno indotto i sindacati autonomi a proclamare lo sciopero e le fasce di garanzia predisposte da Trenitalia, Trenord Ntv Italo.

Sciopero dei treni il 26 e 27 novembre: le motivazioni dell’agitazione.

Lo sciopero dei lavoratori del comparto ferroviario è stato indetto per protestare contro il progetto di privatizzazione delle ferrovie, che ha ricevuto nei giorni scorsi il via libera dal Ministero, contro la riforma delle pensioni targata Fornero e per il rinnovo del contratto di lavoro.

Secondo una nota dei sindacati che hanno indetto lo sciopero, CUB, USB e CAT, il progetto di privatizzazione delle Ferrovie dello Stato rischia di vedere estese anche ai lavoratori dell’azienda di Stato i contratti capestro che vedono i lavoratori di Trenord e Ntv subire una progressiva riduzione dei diritti a fronte di stipendi da fame. Una privatizzazione che andrebbe anche a discapito della sicurezza, sia dei lavoratori delle ferrovie che dei passeggeri.

Lo sciopero dei treni del 26 e 27 novembre vuole anche essere una protesta nei confronti della legge Fornero, contro la legittimazione dei licenziamenti introdotta dal Jobs Act e per protestare contro il Testo Unico sulla rappresentanza sindacale che rappresenta una limitazione della rappresentanza stessa e del diritto di sciopero dei lavoratori.

Orari dello sciopero e treni garantiti da Trenitalia, Trenord e Ntv Italo

Come di consueto, durante lo sciopero dei treni del 26 e 27 novembre, Trenitalia garantisce i servizi minimi di trasporto ed alcuni treni a lunga percorrenza, il cui elenco può essere consultato sul sito www.trenitalia.it. I treni che si troveranno in viaggio nel momento dell’inizio dello sciopero, giungeranno normalmente a destinazione nel caso in cui questa sia raggiungibile entro un’ora, quindi entro le 22 di giovedì 26 novembre, in caso contrario potrebbero fermarsi in una stazione intermedia. Garantiti tutti i treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca.

Treni garantiti anche da Trenord dalle 21 alle 22 del 26 novembre e dalle 6 alle 9 di venerdì 27 novembre.

Allo sciopero potrebbero partecipare anche i lavoratori di Ntv Italo che, per ridurre i disagi dei viaggiatori, ha pubblicato sul proprio sito, www.italotreno.it, l’elenco dei treni garantiti assicurando, comunque, che anche per quelli garantiti non si prevedono ripercussioni.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!