Sindacati in pressing sul governo per la riforma pensioni in vista del nuovo vertice con il ministro Giuliano Poletti e il sottosegretario Stefano Nannicini in programma il prossimo venerdì. Dopo gli interventi di Susanna Camusso e Carmelo Barbagallo, rispettivamente leader di Cgil e Uil, si fa sentire la voce del segretario generale della Cisl. "E' assolutamente necessario - ha detto oggi Annamaria Furlan - creare le condizioni di flessibilità di uscita".

Pensioni, l'Ape di Renzi non convince i sindacati

L'Ape di Matto Renzi - che prevede l'Anticipo Pensionistico per gli over 63 sotto forma di prestito ventennale - non soddisfa i sindacati che chiedono un miglioramento della proposta del governo per la pensione anticipata.

Un'operazione utile a riparare le ingiustizie della legge Fornero e a creare nuove opportunità di lavoro per i giovani. Secondo la Furlan l'errore grave della legge Fornero è quella di aver aumentato indistintamente per tutti i lavoratori l'età pensionabile a prescindere dal tipo di lavoro e dalla situazione soggettiva di ognuno. "Dobbiamo trovare - ha proseguito il leader della Cisl oggi a margine di un incontro a Lamezia Terme - una capacità di sintesi nella flessibilità di uscita. Ma anche nel riconoscere - ha sottolineato secondo quanto riferisce l'Ansa - l'onerosità, l'usura che hanno determinati lavori".

Nuovo confronto sulle pensioni venerdì 29 luglio

Una manovra certamente "complessa - ha detto la Furlan - ma assolutamente indispensabile".

Il segretario generale della Uil ha sottolineato che in Italia c'è una disoccupazione giovanile al 40% e dunque nuovi elementi di flessibilità in uscita che possano consentire agli ultrassessantenni di accedere al trattamento previdenziale può creare nuove occasioni di lavoro per i giovani. Anche se è stato comunque più volte sottolineato da esperti, politici ed economisti che le nuove opportunità di lavoro per i giovani non potranno per forza di cose essere proporzionali ai prepensionamenti che saranno introdotti con la nuova riforma pensioni, ma sarà pur sempre un significativo passo avanti.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!