Il problema della pensione anticipata e della pensione per i precoci che hanno maturato 41 anni di contributi (i famosi quota 41) è ancora grave nel nostro paese, ma se per i lavoratori dipendenti e autonomi qualcosa è stato fatto, c'è una particolare categoria di persone in grande difficoltà e di cui nessuno sembra essersi preoccupato negli ultimi anni. Sono i lavoratori ex partita iva, che hanno dovuto chiudere la loro ditta individuale e la loro attività a causa della crisi e che si ritrovano con 41 anni di contributi versati e nessun ammortizzatore sociale e devono aspettare ancora molti anni prima di poter accedere alla pensione di vecchiaia.

Pubblicità

Uno di questi lavoratori ci ha scritto per sollevare il problema della sua categoria, e di seguito riportiamo il suo sfogo nella speranza che possa servire per accendere i riflettori su tutti quelli che si trovano in condizioni disagiate e che sono stati abbandonati dallo stato in questi ultimi anni.

Pensioni precoci e quota 41: ultime novità, parla un ex partita Iva

Dover chiudere partita iva, il proprio negozio o la propria attività a 56 anni è un duro colpo, e dopo aver versato 41 anni di contributi non è possibile accedere alla pensione e anzi ci si ritrova a pagarsi la pensione volontaria o si deve aspettare quella di vecchiaia.

Questo è successo ad un lavoratore precoce che ci ha contattato, ma in Italia dopo la legge Fornero sono migliaia nella stessa condizione. Ecco la sua testimonianza: "Noi Autonomi ex titolari di partita iva, disoccupati PRECOCI vorremmo che i politici ed i sindacati si ricordassero che ci siamo anche noi. Non un commento sulla nostra categoria, nulla di nulla. Migliaia di ex commercianti hanno chiuso per crisi e tanti di noi hanno piu' di 41 anni di contributi, ma non possono andare in pensione, chi siamo noi nessuno? Non ci sono solamente i lavoratori dipendenti o ex dipendenti che hanno problemi..."

Ultime Pensioni anticipate: Legge Fornero e decreto Bersani la rovina delle piccole ditte individuali?

Il lavoratore ci spiega anche che oltre alla Legge Fornero, ha inciso sulla crisi anche il decreto Bersani: "Con la liberalizzazione delle licenze ed il libero mercato e con le aperture dei centri commerciali sono stati messi KO i piccoli negozi sotto casa.

Pubblicità

Senza contare che i comuni stessi anzichè aiutare i piccoli negozi hanno preferito affossarli con le zone blu a pagamento, ottenendo come risultato che molti clienti preferiscono andare nei grandi centri commerciali dove non pagano il ticket per il parcheggio. Se a questo aggiungiamo gli studi i settore che hanno messo ko il piccolo commercio, capiamo perchè molti negozi hanno chiuso per la crisi". Personalmente, seguo da anni il tema delle Pensioni dei precoci e più in generale della riforma e cercherò nel mio piccolo di portare alla ribalta di Senatori e parlamentari il problema di queste ex ditte individuali che hanno chiuso, ma che non possono andare in pensione.

Se volete restare aggiornati sulle pensioni anticipate e non solo, cliccate segui in alto.