In un momento di grave crisi economica e sociale, con livelli molto alti di disoccupazione giovanile, il Governo, decide ancora una volta di porre la sua attenzione nei confronti di giovani disoccupati. Tale programma porta con se, non solo, il chiaro obiettivo dell'occupazione giovanile, ma saranno predisposti veri e propri aiuti aziendali, concretizzati in sgravi fiscali, per ciascun lavoratore assunto. In questo breve guida, analizzeremo, lo scopo e il compito del programma Garanzia Giovani, e chi potrà aderire allo stesso.

Pubblicità
Pubblicità

Quali gli obiettivi di Garanzia Giovani?

Garanzia Giovani, nasce come strumento di contrasto alla disoccupazione giovanile, grazie a finanziamenti da parte dell'Unione Europea, a tutti i paesi membri, con parametri di disoccupazione superiori al 25%. Svariate le iniziative promosse, tra le quali, distinguiamo:

  • accoglienza;
  • orientamento;
  • formazione;
  • accompagnamento al lavoro;
  • apprendistato;
  • tirocinio;
  • servizio civile;
  • sostegno all'auto imprenditorialità;
  • mobilità professionale all'interno del territorio Nazionale o nei Paesi dell'Unione Europea;
  • bonus occupazionali per le imprese;
  • formazione a distanza.

Ora ci soffermeremo su due iniziative in particolare: accompagnamento al lavoro e bonus occupazionali per le imprese.

Pubblicità

Nel primo caso, ciascun giovane verrà affiancato da un operatore specializzato ed autorizzato in ambito regionale; attraverso il programma personalizzato, sarà aiutato concretamente nel suo inserimento lavorativo, relativamente all'azienda più adatta alle proprie competenze professionali, con conseguente collegamento aziendale. L'azienda potrà decidere di stipulare con il lavoratore, sia contratti a tempo indeterminato, determinato o di apprendistato professionalizzante, della durata di 6/8 mesi, con possibilità di assunzione stabile.

La retribuzione corrisposta ed erogata a ciascun giovane assunto, varia tra i 500/800 euro mensili.

Nel secondo caso, invece, Garanzia Giovani al fine di consentire l'effettivo ingresso nel mondo del lavoro, prevede determinate agevolazioni per tutte le imprese che stipulano contratti di lavoro. Queste ultime saranno destinatarie di sgravi fiscali, in tutti in casi in cui ci saranno contratti sia a tempo indeterminato, determinato o di apprendistato professionalizzante.

A chi si rivolge e come presentare domanda?

Tale iter lavorativo si rivolge a tutti i giovani tra i 15 e i 24 anni, che non siano inseriti in nessun percorso scolastico o formativo. La domanda potrà essere presentata presso lo sportello Garanzia Giovani più vicino a te o in alternativa potrai rivolgerti a Caf/Patronati convenzionati.

Per tutte le news ed aggiornamenti, è possibile cliccare sul tasto SEGUI vicino al nome dell'autrice.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto