In questi giorni è stato siglato un accordo sulle politiche attive tra Poste Italiane e vari sindacati che prevede la stabilizzazione di vecchie assunzioni e l'assunzione di nuove risorse. I sindacati che hanno sottoscritto tale accordo con l'azienda Poste Italiane sono Slp-Cispl, Slc-Cgil, Uilposte, Failp-Cisal, Confsal Com, Fnc-Ugl Comunicazioni.

Accordo sindacati- Poste Italiane: nuove assunzioni entro 2018

In base all'accordo recentemente sottoscritto sono previste, entro la fine di quest'anno, circa 1080 assunzioni a tempo indeterminato di persone che hanno già precedentemente prestato servizio presso PI con un contratto a tempo determinato, nonché l'assunzione di circa 500 giovani laureati [VIDEO] da destinare alle sale consulenza presso gli uffici postali.

L'accordo prevede, inoltre, la trasformazione di circa 1200 rapporti di lavoro da tempo parziale a full time.

I piani di Poste Italiane per il triennio 2018- 2020

L'accordo sottoscritto prevede, per il triennio 2018- 2020 il coinvolgimento di circa 6000 lavoratori, tra conversioni, nuove assunzioni e procedure di mobilità. Secondo quanto disposto dal piano, nei prossimi mesi i rappresentanti sindacali e Poste Italiane si riuniranno nuovamente per stabilire nel dettaglio quali saranno i passi da compiere nel 2019 e nel 2020. Tutto questo rappresenta l'attuazione degli accordi presi in sede di sottoscrizione del Contratto Collettivo Nazionale di lavoro dello scorso mese di novembre, nonché una grande opportunità di lavoro per i dipendenti di PI e per coloro che saranno assunti successivamente.

Lavorare in Poste Italiane

Nell'attesa che venga perfezionato l'accordo sottoscritto relativo alla trasformazione di rapporti di lavoro già esistenti e all'assunzione di nuove risorse, per conoscere quali sono attualmente le posizioni aperte, è possibile consultare il sito dell'azienda nella sezione "Lavora con noi". In questo momento, le figure ricercate sono quelle di consulenti finanziari e portalettere, in varie sedi della Lombardia e nel Trentino Alto Adige. Per la prima qualifica, è richiesto il titolo di laurea in discipline economiche con una votazione non inferiore a 102 su 110; per la carica di portalettere, invece, è necessaria la patente di guida e l'idoneità fisica a svolgere il lavoro. Per rimanere sempre aggiornati su questioni inerenti ad opportunità di lavoro per i giovani, stage e tirocini [VIDEO], si consiglia di seguire il canale che si occupa di queste specifiche tematiche.