Napolisubirà unblocco del traffico nei prossimi giorni, precisamente dall'1 al 6 febbraio. Le ultime settimane di gennaio hanno visto un innalzamentodei livelli di inquinamentonell'aria in diverse città di tutta Italia, costringendo alcune amministrazioni comunali ad emanare delle ordinanze anti-smog nei propri comuni. A Roma è stato infatti deciso di assumere diversi provvedimenti drastici a causa degli agenti inquinanti, che ha visto nella giornata del 31 gennaio il blocco degli autoeicoli . Altre simili iniziative sono state promosse anche dalle amministrazioni diAlessandria, Modena,Trieste,Udine,e altre città in tutto il territorio.

Blocco del traffico aNapoli: fasce orarie e mezzi che potranno circolare

Luigi De Magistris ha firmato unprovvedimento cheprevede l'ordinanza del divieto di circolazione dall'1 al 6 febbriao 2016 su tutto il territorio napoletano. Lo stop è stato ritenuto necessarioin seguito alsuperamento dei limiti di Pm10 rilevati da due centraline poste in città. Lefasce orarienelle quali non si potrà circolare saranno dalle 9,30 alle 12,30 del mattino e dalle 14,30 alle 19,30 della sera.La circolazione per le auto nella città partenopea è vietata fino alla categoria Euro 3 a meno che nell’abitacolo non ci siano tre persone minimo a bordo. Possono circolare invece le vetture della categoria Euro 4, i mezzi di trasporto pubblici, i veicoli delle forze dell'ordine, i taxi, i mezzi di pronto soccorso, le auto predisposte per iltrasportano dei disabili.

Altre vetture che potranno circolare, senza alcun problema, nelle aree predisposte al divieto di circolazione nei prossimi giorni a due e quattro ruote,saranno le autovetture elettricheo alimentate a metano o a gpl, i veicoli del car-pooling esclusi gli Euro 0 e 1, tutti i ciclomotori e veicoli a due tempi o quattro tempi. Il blocco della circolazione non interesserà la tangenziale di Napoli e i raccordi delle autostrade A1 e A3 per Roma e Salerno e inoltre la ex statale 162 nei tratti interessati dal territorio partenopeo.

Segui la pagina Ambiente
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!