Potranno usufruire del bonus bebè anche i cittadini extracomunitari e #stranieri in possesso di documenti differenti dal permesso di soggiorno.In particolar modo, secondo gli articoli 10 e 17 del decreto legislativo n.30/2007, può essere riconosciuto a tutte le persone in possesso della carta di soggiorno per familiare sia permanente che non.

A chi è esteso il Bonus Bebè

Secondo quanto dichiarato dall'Inps, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha elargito il beneficio del bonus a tutti gli stranieri con due tipologie di permessi permessi dagli articoli 10 e 17 del decreto legislativo n.30/2007 ovvero:

1) la carta di soggiorno per familiare cittadino UE

2) la carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza appartenente ad uno stato membro

Cos'è il Bonus Bebè

Secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità del 2015 (190/2014), per ogni figlio nato o adottato dal 1°gennaio 2015 al 31 dicembre 2017, è previsto un assegno con importo di €960 l'anno e verrà corrisposto fino al terzo anno di età del bambino e/o per tre anni dal momento dell'adozione.

Il requisito genitoriale per poter beneficiare del bonus dovrà essere quello di avere un #isee non superiore a 25.000 euro l'anno. Se invece, la famiglia è in una condizione economica disagiata non superando € 7.000 di ISEE l'anno, allora il bonus verrà raddoppiato e percepiranno 1.920€ l'anno. Precisiamo inoltre che l'assegno è cumulabile, nel caso in cui ci siano ulteriori nascite sempre all'interno del periodo 2015-2017.

L'Inps ha precisato che per l'attuazione del Bonus agli stranieri aventi titolo, l'Istituto di previdenza sociale sta facendo il possibile per facilitare l'acquisizione delle domande online e il ministero dell'Interno, sta velocizzando i tempi per far si che la consultazione via telematica dei vari permessi, sia immediatamente consultabile dall'Istituto alle Banche dati del ministero stesso.

I migliori video del giorno

Nel frattempo che si attivi il servizio online, è sufficiente rilasciare un'autodichiarazione nell'ufficio INPS di propria competenza territoriale. #bonusbebè