I fuoriusciti del Movimento Cinque Stelle alla Camera siglano un patto con il titolare della lista "Tutti insieme per l'Italia" per poter mantenere il loro gruppo ridottosi a solo cinque componenti dopo l'abbandono dei Civatiani.

Tempi duri alla camera per gli ex M5S Artini, Baldassarre, Bechis, Segoni e Turco; i cinque parlamentari orfani dei Civatiani rimangono, infatti, sotto la soglia prevista di dieci deputati che consente di poter costituire un gruppo autonomo riconosciuto e utilizzare i fondi e i “benefit” riconosciuti dal regolamento.

Ecco allora la geniale trovata, come riportato da un articolo de “il fatto quotidiano”, i deputati ex M5S, regolamento alla mano, hanno trovato un'eccezione che consente di mantenere il gruppo autonomo con un minimo di tre componenti a condizione che si rappresenti un movimento o partito politico che abbia presentato candidature alle ultime elezioni politiche.

Da qui il ricorso a un anonimo e quanto mai provvidenziale alleato: Il signor Corsi Antonio che alle elezioni del 2013 aveva presentato una propria lista "Tutti insieme per l'Italia" con la quale aveva ottenuto lo 0,01 percento dei voti al Senato e lo zero percento alla camera, arrivando, comunque non proprio ultimo poiché alle sue spalle si piazzavano altre due liste.

Un vero colpo di fortuna per il signor Corsi che mette a disposizione il simbolo e per gli ex M5S che in cambio "garantiscono il loro impegno a supportare il lavoro relativo alla realtà della musica popolare e amatoriale delle bande musicali cori e gruppi folkloristici, nonché dell'arte, cultura e lavoro etc..comunque connessi all'attività del partito "Tutti insieme per l'Italia". Nell'accordo viene, inoltre, consentito, al sig.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S

Corsi (unico candidato della lista nel 2013) l'accesso alla Camera dei Deputati.

Che dire? Sicuramente la politica costa e mantenere una propria autonomia economica senza poter ricorrere ai fondi messi a disposizione dalla presidenza della camera risulta impresa ardua ma per coloro che promettevano di "aprire il parlamento come una scatola di tonno", seppure da ex, sarà difficile da far comprendere.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto