Si sono chiusi gli Stati Generali di psichiatria dinamica. Hanno partecipato oltre 160 addetti ai lavori, a livello internazionale. Nel nostro paese, per il 50% degli esperti presenti, si stanno facendo passi avanti contro i disturbi ossessivi compulsivi, ma c'è un peggioramento di oltre il 10% delle patologie legate ai disturbi alimentari e alla depressione derivanti dallo stress.

Lo scenario del futuro vede già ben definite le difficoltà a cui si andrà incontro: depressione, ansia e disturbi neuropsicologici legati al sonno e all’attenzione, dipendenze dalle tecnologie e disturbi neurocognitivi. Questo quadro viene è stato commentato dai professionisti provenienti dal vecchio continente, ma anche da Australia, Asia, e dalle due Americhe.

Quali saranno le malattie mentali del prossimi futuro a livello mondiale?

Per ben il 60% degli esperti, la maggiore preoccupazione deriva dalle nuove tecnologie e le dipendenze che innescano, in particolare per internet e gli smartphone. Altro allarme è dato dai disturbi di natura neurocognitiva, come la demenza e l'amnesia.

In Italia le sofferenze maggiori riguardano quelle legate al calo di attenzione e al sonno, ansie e depressione. In particolare, si è sostituita la compulsione alla durata ricorsiva.

Il presidente del Congresso, Ezio Benelli fa una riflessione sulla Salute a livello mondiale grazie al coinvolgimento tramite un questionario di importanti esperti. Ne emerge che in Italia si sta verificando un aumento dei disturbi della nutrizione e della depressione reattiva. In particolare, e non è affatto un controsenso, queste si contano nelle regioni più industrializzate dove, ormai è sempre più evidente, la vita è peggiore per i ritmi di vita a cui si è costretti, e per lo stress quotidiano che si assorbe.

Nel congresso emerge chiaramente che l’ansia sarà una delle malattie del futuro, quindi diventa fondamentale prevenirla attraverso, per esempio, il superamento della farmacoterapia e con un miglioramento dello stile di vita.

Oggi la società è definita da una industrializzazione postmoderna che fa male alla vita e alla qualità delle esistenze, portando così le persone ad affrontare diverse patologie che si devono poi curare.

Fortunatamente, sembra ormai chiaro a livello planetario che il superamento di questo sistema, compreso l'abitare in grandi agglomerati metropolitani, siano le sfide del futuro. Un cambio che permetterà di eliminare in modo naturale le dipendenze e le patologie consequenziali a questo progresso mortifero per tutti gli abitanti della Terra.

Segui la pagina Salute
Segui
Segui la pagina Tecnologia
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!