Il 2014 è cominciato da una settimana ed è già tempo di pagare le prime tasse. Ecco il calendario completo e aggiornato delle principali scadenze fiscali del mese per non figurare come morosi ed evitare le multe.

Si parte fra qualche giorno e più precisamente il 9 gennaio 2014, quando dovrebbe avvenire la regolarizzazione della seconda o unica rata dell'acconto Ires e Irap (entrambe le tasse sono scadute lo scorso dicembre).

A seguire abbiamo il 10 gennaio 2014, data entro la quale i professionisti titolari di partita IVA e le imprese con regime fiscale agevolato dovranno comunicare all'Agenzia delle Entrate i dati contabili relativi all'ultimo trimestre (ottobre, novembre e dicembre 2013).

Il 16 gennaio 2014 c'è un'altra scadenza fiscale, quella della Tobin Tax, l'imposta sulle transazioni finanziarie. La tassa dovrà essere versata da banche, società, imprese d'investimento e singoli contribuenti che hanno effettuato transazioni senza notai o altri intermediari finanziari.

Il 24 gennaio 2014 è l'ultimo termine utile per il pagamento della prima rata #imu (anche detta mini Imu), cui sono soggetti tutti i proprietari di prima abitazione residenti nei Comuni che hanno aumentato le aliquote IMU relative al 2013. Il pagamento può avvenire tramite bollettino postale o modulo F24, da compilare online o direttamente allo sportello della propria banca.

Entro il 30 gennaio 2014 si deve, invece, pagare il canone Rai – come ci ricorda anche lo spot tv trasmesso dalle emittenti dell'azienda – mentre i titolari di contratti di locazione e affitto sono chiamati a versare l'imposta di registro relativa ai contratti stipulati dal primo gennaio 2014 in avanti.

I migliori video del giorno

L'ultimo giorno del mese, il 31 gennaio 2014, bisogna, infine, pagare il bollo auto. Questa data interessa in particolare i proprietari degli autoveicoli con oltre 35 Kw con bollo scadente a dicembre 2013 e dei ciclomotori in generale (salvo diversa indicazione della Regione di residenza). Sempre a fine mese scade anche il termine per il versamento del premio assicurativo contro gli infortuni domestici, obbligatorio per tutte le casalinghe.