Tasi 2014, si avvicina la scadenza e quindi il giorno in cui tutti gli abitanti dei comuni (tra i quali la totalità dei centri maggiori) che non si sono messi in regola entro giugno dovranno provvedere al pagamento della tassa sulla casa che ha preso il posto dell'Imu (che però rimane ancora in vigore per i possessore di seconda casa e non solo).

Quando si paga la Tasi 2014? La data entro cui provvedere al pagamento è stata fissata al 16 ottobre. Attenzione, però, entro questo giorno si pagherà soltanto la prima rata, mentre l'acconto finale andrà versato entro il 16 dicembre. Se invece preferite pagare tutto in un'unica soluzione, potete allora decidere di pagare tutto direttamente in una volta questo 16 di ottobre.

Come si paga la Tasi 2014? A differenza della Tari, la tassa sui rifiuti, non si riceverà a casa nessun bollettino. Sarete voi a dover fare i calcoli di quanto bisogna pagare. Innanzitutto, quindi, è necessario armarsi dei dati catastali della vostra abitazione, dove sono indicati tutti i valori necessari a capire quanto dovete pagare. I modelli per procedere al calcolo della Tasi si trovano sui siti di tutti i comuni d'Italia. Il meccanismo per il calcolo è comunque il seguente: bisogna rivalutare la rendita catastale del 5% e moltiplicare il risultato per il coefficiente, che nel caso delle abitazioni è 160. A questo valore bisogna poi applicare l'aliquota comunale e le eventuali detrazioni. Su internet ci sono comunque molti siti che vi permettono di effettuare il calcolo senza troppe difficoltà.

I migliori video del giorno

Per quanto riguarda le modalità di pagamento della Tasi 2014, si può utilizzare sia il modello F24, sia il classico bollettino di conto corrente postale. Per chi ha importi superiori ai mille euro e vuole pagare con il modello F24, dovrà farlo obbligatoriamente online attraverso i servizi telematici della propria banca o dell'Agenzia delle Entrate. Tutti gli altri potranno invece utilizzare il modello F24 cartaceo o il bollettino postale. Da ricordare anche che gli inquilini in affitto pagano il 10% sulla tassa della casa.