La privacy è una rarità di questi tempi, e i social media più amati non sono da biasimare per questo. Ovviamente, sta al nostro buonsenso non rendere palese ogni nostra mossa o spostamento. Pertanto, prima di scrivere un nuovo "post", o "cinguettare" a tutti i nostri (magari molto numerosi) follower dove siamo e con chi siamo, sarebbe il caso di fare attenzione a dei piccoli e banali errori che tutti possiamo commettere.

Vademecum per la tutela della privacy sui social network

 Ecco alcune semplici regole che possono essere utili per la tutela della nostra sicurezza:

  • Non inserire gli indirizzi di casa e lavoro. Non stiamo parlando solo di scrivere tutto l'indirizzo sul nostro profilo di Facebook. I vari check-in e le foto con geotagging possono rivelare il nostro indirizzo anche quando non ce ne rendiamo conto. Di conseguenza, se tutti i nostri geotag segnano la stessa posizione nei vari social (Facebook, Twitter, Instagram, ecc.), con un po' di attenzione è possibile sapere esattamente il luogo dove si vive o lavora;
  • Attenzione alla pubblicazione di foto di bambini. Una cosa su cui si dovrebbe essere molto, molto attenti, è quando si tratta di bambini e social media. Se non sono i vostri figli, si dovrebbe sempre avere il permesso dai genitori prima di postare qualsiasi cosa. E anche quando si tratta dei propri figli, meglio evitare di caricare immagini, anche solo davanti la scuola. Questo potrebbe attirare l'attenzione di personaggi poco raccomandabili;
  • Non pubblicare dettagli dei viaggi. Dire alla gente che stai lontano da casa per un periodo di tempo prolungato è un invito ai ladri per fare un salto a casa tua. Questo non significa che non si può postare le foto del viaggio, mentre si è in vacanza. Meglio, tuttavia, limitare questa informazione alle persone fidate e non renderla visibile a tutta la rete di contatti sui social network dove si è iscritti. E mai pubblicare l'intero itinerario ( es:'Finalmente a Madrid', poi sotto ti chiedono nei commenti per quanto tempo). Mai rispondere con date specifiche, chi è veramente interessato ti scrive in privato;
  • Attenzione alle password. La sicurezza non è mai troppa, perciò fate attenzione ai molti siti che hanno bisogno di informazioni che potrebbero facilmente trovare con i social network. La città dove sei cresciuto, il nome del tuo animale domestico, dove ti sei sposato, il nome del tuo primo fidanzato, questi sono tutti dettagli specifici che è meglio non far sapere;
  • Attenzione all'invio di foto private. Non stiamo parlando di pubblicare foto di nudo su Instagram , Facebook o Twitter. Tuttavia, può essere una cattiva idea inviare foto private anche mediante messaggio o chat. Oggi non ci si può fidare di nessuno online. Gli hacker sono ovunque;
  • Attenzione alle carte di credito e alle informazioni finanziarie. Esistono alcune persone, che inviano le immagini delle loro carte di credito sui social media (spero che non siate uno di loro). Ma pericolosi sono i dettagli che potrebbero involontariamente essere scritti nelle conversazioni attraverso Facebook o Twitter: per esempio, la banca che utilizzi e la tua fascia di reddito. Come pericolosi sono la nostra data e luogo di nascita. Possono essere dettagli sufficienti per accedere alle informazioni finanziarie.
Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto