I saldi invernali del 2016sono iniziati il 2 gennaio ma solo in alcune regioni come Sicilia, Campania, Valle D’Aosta e Basilicata; le altre regioni inizierannomartedì 5 gennaio. In periodi di crisi, i saldi sono attesi come una straordinaria opportunità per i cittadini, ma anche per i commercianti. Nel 2015 hanno cessato l’attività ben 10 mila esercizi, una media allarmante di 27 attività al giorno.

La Confcommercio prevede un incremento delle vendite del 3% rispetto allo scorso anno, con una spesa media di 346 euro per nucleo familiare ed una spesa media di 176 euro a persona. Saldi che oscilleranno sulla media del 30% di sconto, fino a raggiungere punte del 70%. Il settore più ricercato sarà l’abbigliamento ma non solo, infatti (già dalle ultime stagioni) si è notato un incremento sulle vendite di intimo e accessori, sopratutto calzature, borse e i gioielli.

Le aspettative in Sardegna

Anche in Sardegna la stagione dei saldi partirà martedì 5 gennaio e terminerà il 5 marzo. La Confcommercio della regione Sardegna prevede un lieve rialzo delle vendite quest’anno, con un incremento pari al’ 1,2%, le spese medie saranno di 307 euro per famiglia. Quest’anno i saldi sono particolarmente attesi, in virtù di un inverno molto caldo, anche per questo le vendite non sono mai decollate.

Durante i primi giorni ci saranno le solite resse dei clienti per potersi accaparrare i capi preferiti e le proprie taglie, ma qui cominciano anche le prime contraddizioni. In passato è capitato spesso di non trovare più disponibilità di articoli, proprio il giorno di apertura dei saldi, questo era dovuto spesso al fatto che alcuni commercianti anticipavano i saldi “ufficiali” già qualche giorno prima.

Le regole da rispettare

I commercianti hanno il dovere di non attuare alcuna forma di scorrettezza, devono seguire e attenersi alle regole deontologiche, per garantire la massima trasparenza ed equità per i consumatori. A tal proposito si è espresso proprio di recente il presidente della Commissione regionale per la tutela dei consumatori in Lombardia, l’assessore Mauro Parolini ha così ricordato il regolamento generale seguente:

“I commercianti hanno l’obbligo di esporre, accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto o del ribasso applicato (è invece facoltativa l’indicazione del prezzo di vendita conseguente allo sconto o ribasso); i prodotti in saldo devono essere separati da quelli eventualmente posti in vendita a prezzo normale e, se ciò non e’ possibile, cartelli o altri mezzi devono fornire al consumatore informazioni inequivocabili e non ingannevoli; se il prodotto risulta difettoso, il consumatore può richiederne la sostituzione o il rimborso del prezzo pagato dietro presentazione dello scontrino, che occorre quindi conservare”

Come tutelarsi e le dritte

Prima di acquistare coi saldi, è opportuno conoscere alcuni preziosi consigli delle varie associazioni di tutela dei consumatori.

Ecco le dritte più importanti:

  • Quando possibile, verificare il prezzo originale dell’articolo prima che inizino i saldi, in modo da constatare se lo sconto applicato sia effettivo.
  • Fare attenzione agli sconti troppo elevati a partire dal 60% in su, perché potrebbero non corrispondere ai valori reali dell’articolo sovrastimato.
  • Il cartellino deve riportare obbligatoriamente: prezzo originale, prezzo scontato e percentuale di sconto.
  • Per acquisti superiori ai 30 euro, i commercianti hanno l’obbligo (per legge) di poter accettare eventuali pagamenti con bancomat o altre carte di credito.
  • Accertarsi che la merce acquistata in saldi appartenga alla stagione in corso e non collezioni precedenti o avanzi di magazzino, poiché sono vendite separate.
  • Conservare sempre lo scontrino, perché nel caso di merce irregolare, il commerciante ha l’obbligo (per legge) di sostituirla o del rimborso.
  • Nel caso di eventuali truffe, ci si può rivolgere alle associazioni di tutela dei consumatori, al proprio comune (settore commercio) oppure ai vigili urbani.
Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto