Arriva la nuova Carta d’identità elettronica (Cie), con una serie di nuovi dati identificativi che saranno archiviati in un piccolo microchip. Le nuove regole per la Cie, sono state emanate in un decreto del Viminale, dai ministeri della Pubblica Amministrazione e quelli dell’Economia. Il progetto, partito quasi venti anni fa, non era mai stato reso definitivo. Presso il Viminale è stata istituita una Commissione interministeriale che avrà il compito di seguire e monitorare tutte le diverse fasi di realizzazione del progetto.

La carta d’identità elettronica: tutte le novità

La nuova carta d’identità elettronica, oltre ai dati anagrafici, conterrà una serie di nuove informazioni tra le quali le impronte digitali e la volontà in merito all'eventuale donazione dei propri organi o tessuti.

Inoltre ci sarà un Pin che permetterà al cittadino l'accesso a una serie di servizi online. La nuova “Cie” sarà realizzata con le tipiche tecniche delle carte valori e avrà un piccolo microprocessore dove saranno memorizzati tutti i dati inerenti alle proprie informazioni personali. Il piano per il rilascio delle nuove carte d’identità elettroniche sarà graduale e le varie tappe di emissione saranno fissate da una specifica commissione. Il progetto è stato testato precedentemente in alcuni Comuni italiani dove sono state distribuite circa 4 milioni di carte elettroniche. In queste anagrafi sarà subito possibile farne richiesta, in seguito ad eventuale smarrimento o scadenza. Non si tratterà di un piano di sostituzione immediato e obbligatorio ma di un graduale processo di inserimento su tutto il territorio nazionale che, secondo gli esperti, durerà circa due anni.

I migliori video del giorno

 

Come richiedere la nuova carta d’identità elettronica

L’iter burocratico del Comune per l’acquisizione dei dati, una volta arrivata la domanda, prevederà solo sei giorni di tempo per la consegna della tessera al cittadino, che si presenterà come una tessera bancomat, con il suo relativo Pin per l’accesso ai vari servizi online previsti dal Comune. Sarà anche previsto un portale web specifico dove si potrà prenotare l’eventuale appuntamento all’ Anagrafe per la compilazione e la definizione in dettaglio della Carta. Successivamente il cittadino riceverà la carta direttamente all’indirizzo indicato della propria abitazione.

L’inserimento della nuova carta d’identità elettronica è da considerarsi senz'altro un passo molto importante che porterà, tra l’altro, ad una svolta in termini di sicurezza contro la diffusa falsificazione dei documenti, grazie anche all’ ausilio delle impronte digitali, così come avviene per il Passaporto.