Mercoledì 14 dicembre ci sarà un evento unico e irripetibile a Milano. Al Grand Hotel et de Milan è stato organizzato, dalla Bolaffi Aste, il "Football Memorabilia". Nel corso dell'evento verranno messi all'asta dei rari e preziosi cimeli legati alla storia del calcio, un'occasione davvero irripetibile per i palati fini del collezionismo del calcio d'autore.

Uno dei pezzi forti sarà sicuramente quello legato alla leggenda del Cagliari e del calcio italiano: stiamo parlando della maglia n° 11 di Gigi Riva, indossata nell'ultima partita del campionato dello storico scudetto 1969-70.

La gara era Torino-Cagliari e, nonostante i sardi fossero già matematicamente campioni d'Italia, non fecero nessuno sconto ai granata, imponendosi per 4-0. Con quella maglia "rombo di tuono" realizzò una doppietta.

E qui raccontiamo un curioso retroscena: a fine gara Riva scambiò la maglia con un calciatore del Toro e, in seguito, la stessa finì ad un collezionista. La casacca che sarà venduta all’asta è quella bianca con i bordi rossoblu; la proposta di partenza è interessante: circa 8-12 mila euro. Chi dovesse aggiudicarsela si farà un bel regalo di Natale, poiché questo è un cimelio davvero unico e "importante", dal valore simbolico enorme.

Le altre proposte

Durante l'asta verranno presentati anche altri lotti davvero unici. Non ci saranno solo maglie, ma anche stampe e documenti rari, fotografie e trofei. Oltre alla casacca di Gigi Riva, verrà battuta anche quella indossata nel 1978 dall'ex portierone della Juventus Dino Zoff, nell'ultima partita di campionato in casa contro il Vicenza e vinta dai bianconeri per 3-2. Anche qui c'è un curioso retroscena: fu lo stesso Zoff a regalare questa maglia ad un operatore della Rai TV, che poi la lasciò ai propri figli.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Milan

La base di partenza per questo cimelio è di circa 3-4 mila euro.

Verrà messa all'asta anche una preziosa fotografia dell'11 maggio 1947, quella della nazionale italiana prima della sfida amichevole contro l'Ungheria (all'ex Comunale di Torino) e vinta per 3-2. Il valore di questo scatto deriva dal fatto che rappresenta una vera e propria testimonianza dell'impiego di ben 10 granata del grande Torino, più il portiere juventino Sentimenti IV.

Altra chicca: ci sono i 15 autografi originali dei calciatori sul retro della foto, ovvero gli 11 titolari, le 3 riserve e l'allenatore Vittorio Pozzo.

Un altro documento di grandissimo valore è lo Statuto del Milan "Milan Football & Cricket Club", un libretto in cartoncino rosso di 16 pagine stampato nel 1900 a Milano. Era di proprietà di uno dei soci fondatori del Milan che l'ha tramandato agli eredi.

La base d'asta stimata per questa rarità è di circa 80-120 mila euro.

Concludiamo con un pezzo d'asta curioso; un quadernetto del 1939 appartenuto ad un giovanissimo 15enne Mike Bongiorno che, a quei tempi, muoveva i primi passi come "galoppino" del quotidiano "La Stampa" di Torino. In questo taccuino sono riportati ben 80 autografi di calciatori famosi dell'epoca, come Amoretti, Bodoira e Bellini della Juventus; e Olivieri, Gallea e Petron del Torino.

Il prezzo di partenza sarà di: 1.500-2.000 euro.

Torino - Cagliari 0-4: Apoteosi Rossoblù (26-4-1970)

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto