Francesco Testi è reduce da un periodo di gran successo lavorativo. Attualmente possiamo ammirarlo nei panni di Ruggero Vitaliano, in Baciamo le mani e nel 2014 lo rivedremo in una nuova fiction da titolo Furore con lui l'altro bello Massimiliano Morra. Testi ha recitato in tante fiction di successo come Sangue caldo, Il peccato e la vergogna e L'onore e il rispetto, da molti è stato etichettato come il nuovo 'Gabriel Garko'.

Bello, sexy, fisico statuario, sguardo magnetico e voce incredibilmente sensuale, desta sconcerto sapere che Francesco Testi soffre del così detto male oscuro. La depressione è una malattia che può colpire chiunque, al settimanale Di più, Francesco Testi ha raccontato di averne sofferto prima da adolescente e poi di recente nei mesi scorsi dopo aver girato l'ultimo lavoro, se ne è uscito deve ringraziare la sua compagna e la ritrovata fede in Dio. Tristezza, stanchezza, svogliatezza, questi i sintomi che in alcuni periodi della sua vita hanno caratterizzato lo stato d'animo di Francesco Testi ex gieffino, che faticosamente è riuscito a costruirsi un'ottima carriera d'attore.

Queste le parole di Francesco Testi a Di Più:  'Dopo questa fiction sono entrato in crisi e sono ricaduto vittima della depressione.

Pubblicità
Pubblicità

E' stato allora che, all'improvviso, ho ricominciato a stare male, mi sentivo sempre stanco e svogliato, e triste. All'inizio pensavo di essere solo stressato, poi ho capito che stavo di nuovo sprofondando nell'incubo della depressione'.

Oggi per fortuna l'attore Francesco Testi sta bene.

Leggi tutto