"Gli anni spezzati - il giudice", in onda su Rai Uno lunedì 13 e martedì 14 gennaio alle ore 21.10, è il secondo ciclo di mini-serie de "Gli anni Spezzati". Dopo il grande successo di pubblico riscosso dalla serie "Gli anni spezzati - il commissario", storia del commissario Luigi Calabresi, viene trasmesso il film in due puntate tratto dalla storia vera del giudice Mario Sossi, raccontata nel libro omonimo dal giudice stesso e Luciano Garibaldi (già autore del libro su Calabresi).

Il gruppo "XXII Ottobre"

Mario Sossi è un magistrato italiano e svolge il suo lavoro a Genova tra cause di routine come i suoi colleghi.

Fino a quando gli affidano l'incarico del caso "XXII Ottobre", un gruppo della sinistra extraparlamentare nato nel 1969 e operante a Genova fino al 1971. Una "brigata" che si definiva rivoluzionaria ed eversiva, nei fatti terrorista, si rese autrice dell'omicidio di un commesso durante la rapina all'Istituto autonomo case popolari. Fu a seguito di quel caso che il 18 aprile 1974 Sossi venne rapito dalle brigate rosse, le quali chiesero al Governo italiano di rilasciare proprio il gruppo XXII ottobre rinchiuso in carcere per i reati di omicidio, attentati dinamitardi e vari tentati omicidi.

Il sequestro di Sossi durò 35 giorni, fino al 23 maggio 1974, poi fu rilasciato in seguito al ricorso in Corte d'Appello della moglie Grazia, nel quale richiese ed ottenne la scarcerazione provvisoria degli 8 brigatisti.

I migliori video del giorno

Sossi raccontò tutto in un libro fin nei minimi particolari con l'aiuto dell'amico Garibaldi, affinché i giovani sapessero quale follia si nascondeva dietro le logiche rivoluzionarie dei movimenti anarchici di quegli anni. Fu molto sconsigliato di pubblicare il libro poiché gli stessi brigatisti, durante il loro processo del 1978, lo bollarono come un "condannato a morte in libertà provvisoria".

Il film, il regista e gli attori

Il film è diretto da Graziano Diana e prodotto da Albatross Entertainment e Rai Fiction. Nel cast, Alessandro Preziosi è il giudice Mario Sossi, Ennio Fantastichini è Francesco Coco, il Procuratore generale di Genova assassinato nel 1976 per non aver dato seguito alle richieste dei brigatisti durante il sequestro. Stefania Rocca è Grazia Sossi, la moglie del giudice. Roberto Nigro (Alessio Vassallo) e Claudia Maestrali (Anna Safroncik), invece, furono i due giudici che si occuparono del sequestro.