Mercoledì 17 dicembre 2014 sono andati in onda su Rai3 e su Rete4 le ultime puntate dell'anno di Chi l'ha visto e Quarto Grado, le due trasmissioni del prime time incentrate sui casi di cronaca nera irrisolti. Eccezionalmente per questa ultima settimana di programmazione, entrambi i due programmi sono andati in onda nella stessa serata: Chi l'ha visto ha mantenuto la sua normale programmazione mentre il programma di Rete4 condotto da Gianluigi Nuzzi ha preferito anticipare la messa in onda, per poter parlare in diretta tv della sentenza pronunciata nei confronti di Alberto Stasi, condannato a 16 anni di reclusione per la morte di Chiara Poggi.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

La sfida auditel ha premiato nettamente Chi l'ha visto, che al mercoledì sera, ormai, può contare su uno zoccolo duro di spettatori: più di 3.4 milioni di spettatori con il 15% di share hanno seguito la trasmissione di Federica Sciarelli, mentre Quarto Grado si è fermato ad una media di 1.3 milioni pari al 6% di share.

C'è da dire, però, che Quarto Grado ha "frenato" il boom di ascolti del programma di Rai3: c'è da scommettere, infatti, che senza la messa in onda di Quarto Grado, il programma della Sciarelli avrebbe tranquillamente superato i 4 milioni.

Chi l'ha visto e Quarto Grado gennaio 2015: la data del ritorno

Per il 2014 entrambi i due programmi hanno terminato la loro messa in onda: per vedere in video le nuove puntate di Chi l'ha visto e Quarto Grado dovremo attendere gennaio 2015. In particolare la trasmissione di Rai3 tornerà ad occupare la serata del mercoledì sera a partire dal 7 gennaio, mentre per rivedere in video la coppia composta da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero bisognerà attendere venerdì 9 gennaio 2015, quando debutterà la nuova edizione di Quarto Grado, come sempre in onda in prime time su Rete4.

I migliori video del giorno

Anche in questo nuovo anno televisivo entrambi i due programmi torneranno ad accendere i riflettori sui casi di cronaca nera che ad oggi sono ancora irrisolti, come ad esempio quello del piccolo Andrea Loris Stival, quello di Roberta Ragusa e Elena Ceste, la cui morte è ancora avvolta nel mistero.