E finalmente è arrivata la replica della diretta interessata: Barbara d'Urso ha postato sulla sua pagina facebook la risposta alle accuse sul fuori onda, relativo al collegamento con Santa Croce di Camerina per l'omicidio di Loris Stival.

La conduttrice napoletana, ha comunicato che per onestà e rispetto nei confronti di chi segue ogni giorno la sua trasmissione, ha voluto chiarire alcuni aspetti della vicenda riguardante il caso Loris con l'ormai famoso 'fuori onda' dell'inviata di Pomeriggio 5, Alessandra Borgia. Barbara ha voluto fermamente sottolineare che non era assolutamente a conoscenza di quanto accadeva in quel momento in diretta televisiva, in poche parole sarebbe stato tutto organizzato dalla sua inviata con la complicità e l'assenso di Orazio Fidone, il cacciatore che ha rinvenuto il corpicino senza vita di Loris lo scorso 29 novembre.

La d'Urso ha aggiunto: 'in una trasmissione in diretta, è impossibile controllare quello che succede nei momenti antecedenti un collegamento', poi ha spiegato di aver chiesto chiarimenti alla giornalista Borgia, la quale avrebbe riferito che quanto accaduto, era dipeso da una richiesta di 'cautela' da parte dell'uomo intervistato. In poche parole, secondo Alessandra Borgia, Fidone non voleva far vedere di essere andato spontaneamente al'intervista, ma di esserci capitato casualmente, mentre si trovava a passare nella piazza.

Naturalmente il web non ha creduto a queste giustificazioni e si è ancor più scagliato sulla conduttrice, molti hanno scritto sulla sua pagina che 'Barbarella' assomiglia a quel datore di lavoro che attribuisce a lui i meriti quando tutto va bene, invece quando qualcosa va storto, la colpa è dei dipendenti.

I migliori video del giorno

Qualcuno l'avrebbe anche definita 'infame' perché i fan asseriscono di essere stati presi in giro e la conduttrice viene anche invitata a ritirarsi e a non apparire più davanti alle telecamere della trasmissione. Un duro attacco quindi da parte dell'opinione pubblica e una replica alle critiche di questa vicenda, che ha prodotto l'effetto contrario, anzi a dirla tutta, ha peggiorato ancor più la situazione. Il commento più duro postato sulla bacheca della d'Urso è stato: 'E' morto un bambino di 8 anni, vergognatevi', una frase che lascia senza parole e non ha bisogno di ulteriori commenti.