Maurizio Crozza, nato il 5 dicembre 1959, con la sua comicità che va oltre la satira ha tirato fuori il fenomeno del 'crozzismo', che spinge politici e personaggi pubblici imitati da lui ad impossessarsi delle sue stesse battute riproponendole da 'originali'. E' successo ufficialmente con Bersani che ha riproposto le battute di Crozza in occasione della campagna elettorale del 2011 e in seguito con Berlusconi che lo definì addirittura uno dei responsabili del suo fallimento ai referendum. Diamo a Cesare quel che è di Cesare e ricordiamo che è stato il giornalista Jacopo Iacoboni de La Stampa a coniare il termine 'crozzismo' in onore dell'insuperabile comico genovese.

La genialità esuberante di Maurizio Crozza non si ferma e si fa ogni giorno più contagiosa.

E' la volta del Viperetta, il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero che, attraverso un video diffuso su YouTube e postato sull'homepage della società, ha fatto i suoi personali auguri a Maurizio Crozza in occasione dei suoi 55 anni imitando la caricatura di Crozza che lo riguarda. Maurizio Crozza è un tifoso del Sampdoria ma non è un tifoso qualunque e Ferrero lo onora a modo suo ridendoci sopra con una buona dose di autoironia. "La vita è bella e me la voglio godé'! Ciao Crozza, tanti auguri". Così conclude il suo sketch Massimo Ferrero lanciandosi nell'imitazione caricaturale di se stesso creata dalla satira di Maurizio Crozza. "Samp-doria sempre" ripete Ferrero cercando di caricare la sua personale caricatura che si trascina 'un po' rincoglionita' come dice lo stesso presidente nel video.

I migliori video del giorno

Fa da sfondo all'imitazione di se stesso un angolo del suo ufficio, dove coppe e gagliardetti lo circondano come spettatori divertiti e fieri della sua autoironia.

Maurizio Crozza è il comico del momento, oltre che conduttore televisivo italiano e genio del doppio senso satirico. Quest'anno, oltre a stupirci ogni settimana di venerdì su LA7 nel suo show Crozza nel Paese delle Meraviglie, è autore della copertina del programma televisivo Dimartedì condotto da Giovanni Floris, sempre su LA7.