8

Si è concluso venerdì scorso, dopo otto puntate, il talent show di Rai 1 "Forte Forte Forte", condotto in diretta tv da Ivan Olita. In gara erano rimasti quattro concorrenti: Stefano Simmaco, Marco Martinelli, Pasquale Di Nuzzo e Manuela Zero. A vincere è stato il ventotenne Stefano Simmaco, che proviene da Prato e avrà come premio un contratto esclusivo della durata di un anno con Rai 1. Stefano è abituato a stare in Televisione: oltre alle esperienze teatrali è stato anche ballerino in alcuni programmi tv. Nella sfida finale con Pasquale Di Nuzzo, Stefano ha conquistato il 62 % dei voti del pubblico da casa.

La serata era cominciata con l'esibizione di tutti i quattro giovani in gara, che interpretavano un brano famoso, davanti ai quattro giudici e a Claudio Cecchetto.

Poi i quattro giovani hanno fatto un'intervista a quattro a Nino Frassica. La prima ad essere stata eliminata dal televoto è stata Manuela. Poi la gara a tre fra Stefano, Marco e Pasquale: qui dovevano dimostrare soprattutto di saper ballare, eseguendo un pezzo più movimentato, su base musicale arrangiata per l'occasione dal dj Fargetta. Il meno bravo è stato Marco, che è stato anche il meno votato, uscendo dalla gara. È diventata allora una sfida a due, tra Stefano e Pasquale, di nuovo sul palco con un'altra interpretazione. I telespettatori hanno deciso che il vincitore è Stefano Simmaco, con il 62 %, rispetto al 38 % di Pasquale Di Nuzzo.

Durante la serata Patty Pravo ha cantato i suoi maggiori successi, mentre Annalisa ha eseguito il suo brano sanremese "Una finestra fra le stelle".

I migliori video del giorno

Prima della sfida finale, Raffaella Carrà, dopo aver cantato e ballato, ha voluto ringraziare il regista Sergio Japino, definendola una grande persona, "nonostante che i venti fossero forti forti forti", alludendo alle  critiche per la trasmissione che hanno ideato insieme. E ha precisato che le critiche "se sono costruttive sono sempre ben accette, ma quando si passa alle offese e agli insulti fanno male". Ed ha anche aggiunto che però "bisogna sempre perdonare".