La settima puntata della terza stagione della seguitissima telenovela 'Le tre rose di Eva' si è conclusa con un bel matrimonio fra Ruggero e Tessa, benché non siano mancate le polemiche riguardo la scelta della donna di convogliare a nozze con il misterioso personaggio interpretato da Luca Ward. Le grane per l'uomo, inoltre, non avranno fine nemmeno in vista del prossimo appuntamento in tv, previsto per la prima serata di venerdì 8 maggio sul quinto canale. Ruggero, infatti, verrà accusato dell'omicidio di Livia, dopo che il corpo della donna sarà rinvenuto nel bosco: gli inquirenti faranno di tutto per incastrarlo, ma la moglie Tessa ce la metterà tutta per dimostrare che il marito non c'entra nulla con questa uccisione.

Certo è che il loro matrimonio non è iniziato nel modo migliore e sarà interessante capire se Tessa continuerà a stargli vicino oppure se anche lei si farà coinvolgere nei sospetti da parte delle persone che ha intorno.

Aurora aggredisce Alessandro per colpa di Maniero

L'ottava puntata della fiction, inoltre, sarà caratterizzata dal peggioramento delle condizioni psicologiche di Aurora, la quale comincerà a diventare un pericolo per se stessa e per gli altri a causa di alcune allucinazioni causate da un particolare tipo di droga che le somministrerà lo psichiatra Maniero. Tutto ciò la porterà addirittura a prendersela con Alessandro, che verrà colpito per errore e si allontanerà bruscamente dalla donna. Questo episodio farà capire alla donna di poter essere un pericolo per chiunque le si avvicini e anche la figlia Eva avrà alcune reazioni negative nei suoi confronti, dopo la caduta dalla casa sull'albero di Pietrarossa.

I migliori video del giorno

Riuscirà Aurora a liberarsi di un Maniero che la sta allontanando da tutti coloro a cui vuole bene? Lo scopriremo solo venerdì, al canonico orario delle 21:10 su Canale 5. E per non perdere alcuna notizia o anticipazione interessante sulle prossime punate di questa e altre Fiction tv, basta cliccare sul tasto "Segui" in alto a sinistra sopra l'articolo.