La giovane talent di Matino, Sara Vita Felline, supera a pieni voti un'ulteriore prova, nella puntata del 6 maggio di "The Voice". Il ruggito della "tigre salentina" ha avuto ancora una volta la meglio al televoto, evitando così il giudizio finale del giudice e suo coach J-Ax.

Continua la sua meravigliosa avventura

Continua quindi la sua scalata verso la finale, una meravigliosa avventura per una ragazza inizialmente timida, ma dalle qualità straordinarie. La sua voce graffiante ha fatto di lei una giovane talent, prima con un pezzo molto famoso della Rettore ("Il Kobra") e ieri con "Alfonso" di Levante, sbaragliando tutti al televoto.

Sara ha solo 19 anni e sul palco riesce ad esprimere al massimo il suo talento, tanto da indurre J-Ax a dire: "Sara riesce a portare dentro di sé tutta la passione e il calore del Salento, con il suo graffio sta falciando via i talenti del mio team". Sono parole che da sole racchiudono l'eccellente bravura della giovane salentina.

Musica e canto nel cammino di Sara

La diciannovenne di Matino, una cittadina in provincia di Lecce, ha deciso di tralasciare gli studi universitari per dedicarsi totalmente alla musica e al canto, la sua è una vera e propria passione. Il suo maestro Tony Frassanito di "Dove c'è musica" l'ha seguita già dalla tenera età di 16 anni, in seguito ha partecipato a diversi festival nazionali tra cui "Note d'estate" vincendo il primo premio senza alcuna difficoltà e in quell'occasione fu premiata sul palco dal famosissimo maestro e produttore Adriano Pennino.

I migliori video del giorno

Certamente la sua carriera musicale non offre ancora molti spunti, ma questo è comprensibile, vista la sua giovane età. Di certo sarà antagonista alle sue co-provinciali, Emma e Alessandra Amoroso che già hanno sfondato nel mondo dello spettacolo e della musica.

La scalata prosegue

La scalata di Sara comunque continua e il suo graffio sarà ancora uno dei temi principali di "The Voice", con il prossimo appuntamento in programma venerdì 15 maggio. Tenacia, qualità e talento sono le armi principali di questa straordinaria ragazza, che sta mettendo sul palco tutto ciò che è in grado di dimostrare in campo artistico e musicale. Che dire? Auguri Sara, comunque vada è stato un trionfo.