Nell'ex dimora di Michael Jackson è stato ritrovato del materiale pedopornografico a seguito di un'ispezione della polizia. Ad oggi sono state rese note le immagini degli ispettori, trovate a Neverland nel 2003. A distanza di anni, i riflettori tornano ad essere puntati sul caso Jackson che agli inizi del 2000 ha visto la stella del pop indagato per pedofilia. E' stato un tremendo shock per tutti i fan del cantante, osservare le terribili foto.

Il materiale sequestrato

Durante una perquisizione in una delle stanze della ridente villa nella quale risiedeva Michael Jackson furono trovati opuscoli e quadri ritraenti scene di sesso estremo e torture nei confronti di bambini e giovani in età adolescenziale. Ad aggravare la posizione di Jackson furono le terribili testimonianze arrivate in tribunale da parte di un giovane americano che accusò la stella del pop di aver abusato più volte di lui durante la permanenza a Neverland.

Non sono da mostrare le orrende foto che riportano atti di perversione estrema anche verso gli animali: in particolare si presentano con scene di bondage e sadomaso con animali morti spesso presenti nelle immagini. Un modo per affermare la superiorità dell'uomo verso il sesso debole, rappresentato da donne e bambini così come verso la natura, inquadrata negli animali. Dai reperti, si evince dunque che la perversione di Michael Jackson andava oltre ogni forma di fantasia erotica.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Gossip

Le accuse e i problemi con la legge

Dopo le testimonianze del giovane ragazzo, nel 2003, per l'artista,sono iniziati i primi problemi con la legge. Ha rischiato fino a 20 anni di reclusione, accusato di reati che andavano dalle molestie sui minori agli abusi sessuali. Inoltre è stato anche accusato di aver somministrato delle sostanze sedative ad un minorenne per abusarne. Nonostante le dure accuse, per il re del pop è andata bene: nel giugno 2005, infatti, è stato scagionato dalle accuse ritenute dai giudici infondate.

Un retroscena importante, però, è stato il regalo fatto proprio da Michael prima di morire che ha donato circa 200 milioni di dollari adalcune delle vittime dei suoi abusi sessuali. Sul caso Jackson resta ancora un velo di mistero.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto