La rete continua a fare danno è stavolta a finire nelle grinfie di internet è la sorella di Cristina Buccino. Quest'ultima è la showgirl che ha fatto girare la testa nella precedente edizione dell'isola dei famosi, ora si trova protagonista di una vicenda di pura #Cronaca, anche se per errore. Dopo le recenti foto hot di Diletta Leotta messe in rete dopo un attacco al suo smartphone da parte di un hacker, e la triste vicenda della napoletana Tiziana Cantone, che decise di togliersi la vita a seguito di un video a luci rosse che fece il giro del web, molti hanno creduto che fosse spuntato un video hot di Cristina Buccino, ovvero, almeno così speravano i fan.

Dopo aver appreso della vicenda la Buccino ha subito smentito ed arriva la rivelazione: la protagonista del video a luci rosse è sua sorella, Maria Teresa Buccino.

Ancora hacker? Il video hot della Buccino diventa un dilemma

Sono passati pochi giorni dalla bomba mediatica che ha colpito la presentatrice sportiva Diletta Leotta a causa di alcune foto compromettenti, ora spunta il video hot della Buccino che riporta una serie di interrogativi posti anche in occasione delle foto della Leotta: brutto episodio di cronaca o puro #Gossip e tanta pubblicità? In occasione dell'avvento in rete delle foto private di Diletta Leotta, sono stati ben 2 milioni gli utenti che hanno cercato in rete le sue foto, anche se il fatto è stato denunciato come atto increscioso, la presentatrice ha goduto di un ritorno pubblicitario non indifferente e tutt'ora la ricerca sulla Leotta è ancora attiva.

I migliori video del giorno

Un video di 4 anni fa che ritrae la Buccino a luci rosse

Il video hot della Buccino, secondo quanto dichiarato dalla stessa Maria Teresa, sarebbe stato girato 4 anni addietro ed in queste ore sta girando su Whatsapp e potrebbe essere già stato divulgato in rete. La sorella della showgirl ha subito presentato denuncia alla Polizia Postale e non si esclude che l'artefice del brutto scherzo sia stato un suo ex fidanzato. In queste ore le forze dell'ordine sono all'opera per oscurare eventuali pubblicazioni online del video a luci rosse.