Clamoroso colpo di scena per il rampollo di casa Agnelli, lapo elkann: secondo le ultimissime news riportate questa mattina sulle prime pagine di diversi quotidiani statunitensi, Lapo sarebbe stato arrestato nei giorni scorsi a New York per sequestro simulato. Per quale motivo Lapo avrebbe inscenato questo seauestro di persona? Ecco tutta la dinamica dell'accaduto.

Ecco perché è stato arrestato Lapo Elkann

Nel dettaglio le gossip news che arrivano dai quotidiani americani rivelano che Lapo Elkann sarebbe arrivato nella città della 'grande mela' per trascorrere il weekend del Thank's Giving: in quell'occasione il rampollo della famiglia Agnelli si sarebbe dato alla 'pazza gioia' organizzando dei festini a base di sesso, alcol e droga.

In particolar modo Lapo avrebbe organizzato un festino in compagnia di una transessuale 29enne e proprio da questa si è fatta anticipare una fetta somma di denaro pari a 10 mila dollari, per paare una nuova partita di droga.

Secondo le news riportate tra gli altri da NY Daily News, Lapo aveva finito il denaro per acquistare la droga e dopo esserselo fatto anticipare dalla transessuale con la promessa di restituirglielo al più presto, ha deciso di contattare la sua famiglia, inscenando un finto rapimento: ecco allora che ha avanzato la richiesta di 10 mila dollari per essere nuovamente liberato, ma come vi dicevamo si trattava della parte di soldi che doveva restituire alla trans 29enne.

Lapo Elkann nei guai

A quel punto, però, la famiglia di Lapo preoccupata per quanto stava accadendo ha deciso di contattare la polizia americana per metterla al corrente della situazione, ed ecco che è stato organizzato una finta consegna del denaro con un poliziotto che poi ha fermato i due. Dalle prime indiscrezioni riportate dai giornali americani, è stato appurato che l'idea di fondo è stata di Lapo e quindi per questo gli è stata consegnata una citazione a comparire davanti ad una corte americana.

Del resto non è la prima volta che Elkann finisce in 'guai simili': la famiglia non ha voluto rilasciare ulteriori dichiarazioni alla stampa italiana su quanto fosse successo.