Una vera e propria strage: così è stato definito dai giornali e dalle televisioni ciò che si è verificato ieri sera a Corinaldo, in provincia di Ancona, durante il concerto di Sfera Ebbasta, dove hanno trovato la morte sei persone. Nel bel mezzo dello show musicale, qualcuno ha cominciato a spruzzare dello spray urticante al peperoncino, causando un 'fuggi fuggi' generale che ha portato alla morte di ben sei persone [VIDEO] che in quel momento si trovavano all'interno della discoteca.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Concerti e Music Festival

Il messaggio di Sfera Ebbasta dopo il concerto-killer

Di queste sei persone morte, cinque erano adolescenti di età compresa tra i 14 e il 16 anni e poi c'era una mamma di 38 anni, la quale ieri sera aveva accompagnato suo figlio al concerto di Sfera Ebbasta.

Un vero e proprio dramma che quest'oggi ha scosso la coscienza e l'opinione pubblica, mobilitando anche la politica che ovviamente non ha potuto non esprimersi su questa triste vicenda.

Lo stesso Sfera Ebbasta, dopo un momento iniziale di silenzio, questa mattina ha postato su Instagram un suo personale messaggio in cui dice di essere profondamente addolorato per quanto è accaduto ieri sera durante il suo concerto ad Ancona. Il rapper, pur non volendo entrare nel merito della vicenda, ha proseguito dicendo che voleva porre l'attenzione su quanto potesse essere pericoloso e al tempo stesso stupido utilizzare uno spray urticante nel bel mezzo di un concerto, che tra l'altro si svolgeva all'interno di un luogo chiuso e non all'aperto.

Il cantante ha inoltre espresso il suo sostegno e il suo affetto a tutte le vittime, alle loro famiglie e anche ai tanti feriti (sono circa 70) che in questo momento si trovano ancora in ospedale e stanno lottando.

Il rapper ha poi annunciato nel suo messaggio su Instagram, che dopo la strage che si è verificata ieri sera, ha preferito annullare tutti i suoi prossimi impegni promozionali e anche gli instore del suo album. [VIDEO]

'La musica dovrebbe unire', scrive Sfera Ebbasta

'La musica dovrebbe essere uno strumento che unisce le persone, speriamo che lo diventi davvero', ha chiosato il rapper nel suo messaggio social rivolto alle vittime.

La notizia, come dicevamo, ha letteralmente scosso l'opinione pubblica e in tantissimi in queste ore hanno ammesso di essere a dir poco costernati e amareggiati per quanto è successo. Molti personaggi pubblici, tra cui Simona Ventura, Paola Perego, Rita Dalla Chiesa, Emma, Alessandra Amoroso, Cesare Cremonini e molti altri ancora hanno espresso il loro cordoglio e la loro vicinanza alle famiglie delle vittime.