Molti dei capitoli della storia di Buenos Aires, e dell’Argentina in generale, si sono svolti nelle case dove hanno vissuto dei grandi personaggi. Imprendiamo questo itinerario davvero unico per scoprire la storia impregnata sui muri di queste case, ascoltiamo cosa hanno da raccontarci.

- Nel quartiere di La Boca, vi raccomandiamo di visitare la Casa Amarilla sita nella Calle Almirante Brown 401. Si tratta della replica dove abitava l’ammiraglio Brown, un famoso marinaio irlandese creatore della prima flotta navale di Argentina. Nella casa oggi vi si trova l’Istituto Storico di Studi Navali, adiacente a una delle squadre di calcio più famose dell’Argentina.

- In pieno centro porteño si trova una delle case più tradizionali della città, quella di Bartolomé Mitre, nella Calle San Martín 336, che è una delle poche costruzioni di Buenos Aires che conserva la sua originale facciata coloniale di fine XVIII. Oggi la casa è stata dichiarata Monumento Storico e vi ha sede un museo dove, nelle sue undici sale, vengono esposti i mobili e gli oggetti familiari della famiglia che visse precedentemente lì, fra il 1860 e il 1906. E’ possibile visitare la casa da lunedì a venerdì, dalle 13 alle 17,30.

- Un’altra casa da visitare è quella di Domingo Faustina Sarmiento, presidente argentino dal 1868 al 1874, che visse in questa casa, dallo stile all’italiana, assieme alla sorella ed ai figli e dove scrisse numerosi articoli e saggi durante la sua vecchiaia.

I migliori video del giorno

Nel 1947 la casa è stata acquistata dallo Stato ed è stata dichiarata Monumento Storico Nazionale e oggi vi ha sede la Casa de San Juan.

- Nel rione di San Telmo si trova la casa di Santiago de Liniers, militare e politico argentino. La casa, sita nella Calle Venezuela 400, è stata costruita nel secolo XIX ed ha un aspetto coloniale.

- Nel rione di Monserrat troviamo la casa di María Josefa Ezcurra, che si dice sia stata l’amante di Manuel Belgrano, con il quale pare ebbe persino un figlio non riconosciuto. Situata nella Calle Alsina 463, la casa risale al 1836, ha influenze del rinascimento italiano e a suo tempo fu un importante centro per le riunioni politiche.

- Infine troviamo la casa che una volta appartenne a Bernardino Rivadavia, il primo presidente argentino. La casa risale al 1780 e si tratta di una costruzione di tipo coloniale.