4

Le vacanze di pasqua, potrebbero esser il momento ideale per visitare il Salento, terra del sole, del mare e del vento, con città bellissime e uniche nel sue genere, come Lecce.

Di certo, pochi giorni di vacanza non bastano per visitare una terra vasta come la penisola salentina. Ma alcuni luoghi sono sicuramente da non perdere, luoghi che conciliano storia, cultura, gastronomia e paesaggi da sogno. Un possibile itinerario potrebbe essere Lecce e il suo centro storico, per poi spostarsi nelle zone costiere, che non mancano di certo di bellezza, né da una parte né dall'altra del "tacco d'Italia".

Lecce: per chi sceglie l'aereo, una navetta collega l'aeroporto di Brindisi al capoluogo salentino in circa 40 minuti.

Chi vuole poi, può scegliere di visitare la città con le bici messe a disposizione dal Comune. Le piste ciclabili, renderanno agevole le passeggiate fuori e dentro l'area urbana. Lecce, è considerata la capitale del Barocco in Italia, ma nel centro storico si possono ammirare anche architetture di altri stili. Chiese e edifici in pietra leccese, come la basilica di Santa Croce e piazza Duomo, si legano perfettamente ai palazzetti in stile liberty, all'anfiteatro e al teatro romano, e al castello di Carlo V. Sono numerosi anche i musei e i siti archeologici. Passeggiando per la città vale la pena fare una sosta per assaggiare le specialità della cucina leccese, tra queste, il piatto più noto è i "ciceri e tria": le lagane con i ceci, condite con l'olio d'oliva e con l'aggiunta di pasta fritta.

I migliori video del giorno

Uscendo da Lecce, si arriva dopo circa una decina di Km al litorale, con spiagge prevalentemente sabbiose. La marina più nota è quella di San Cataldo, proseguendo a nord troviamo Torre Chianca e Torre Rinalda (entrambe prendono il nome dalle antiche torri di avvistamento presenti).

Torre dell'Orso: grazie alle sue spiagge argentee e un mare limpido, è considerata tra le più belle del Salento. I due faraglioni conosciuti come "le due sorelle", le calette e le dune, ne fanno uno scenario paradisiaco.

Santa Maria di Leuca: detta Finibus Terrae, ai confini della terra perchè dall'omonimo santuario, si vede solo il mare. Numerose le bellezze di questo territorio, in primis il mare limpidissimo, ma anche i castelli, le grotte, le chiese i palazzi e le ville liberty.

Porto Cesareo: situata nella costa ionica, è famosa per le sue spiagge di sabbia finissima e un mare limpidissimo. Una passeggiata, al tramonto, sul lungomare del borgo antico, vi lascerà senza parole.

La costa salentina è così ricca di bellezze naturali, che sarebbe impossibile elencare tutte, solo per citare alcune delle località più grandi valgono una visita Gallipoli, Porto Selvaggio e Otranto.

L'entroterra, dove antiche masserie si alternano a ulivi secolari, è ricco di paesini della Grecia Salentina, tra cui: Corigliano d'Otranto, Martano, Melpigliano e Zollino. Queste sono piccole realtà dove la storia antica vive ancora, basti pensare che si parla un'antica lingua chiamata griko.