Collocato nei pressi di Via Duomo, il #Battistero di #San Giovanni in Fonte rappresenta un unicum nel panorama paleocristiano. A caratterizzarlo, l'insolita pianta quadrata e una serie di mosaici che testimoniano la complessa koinè culturale della Napoli del IV secolo d.C.

Fondazione e struttura del Battistero

Stabilire con esattezza la data di edificazione del Battistero di San Giovanni in Fonte appare ad oggi come un'operazione di difficile realizzazione; nonostante i numerosi studi archeologici ed architettonici effettuati negli ultimi anni, si è ancora incerti se datare la struttura al secondo episcopato del Vescovo Severo (363- 409) o al secolo successivo, vale a dire sotto il più recente mandato di Sotero (465-468).

Il battistero si compone di due ambienti autonomi: il portico rettangolare, costruito in un secondo momento per collegare il Battistero alla Basilica di Santa Restituta, e la sala battesimale, di dimensioni maggiori e a pianta quadrata. Quest'ultima fu coperta da una cupola a sesto ribassato che la rese un vero e proprio unicum nel panorama architettonico dell'epica: al centro del battistero giaceva invece una grossa vasca battesimale, realizzata in opus signinum e profonda circa 60 centimetri.

I mosaici e il culto cristiano

Volgendo lo sguardo verso l'alto, il visitatore potrà ammirare particolari importanti dell'arte cristiana dei primi secoli, grazie alla presenza di piccole tessere variopinte (la maggior parte sono blu, altre color oro) che compongono mosaici di estrema bellezza.

La parte meglio conservata è senza dubbio il centro della cupola, raffigurante un cielo stracolmo di stelle e una croce monogrammatica (messa lì per testimoniare a tutti la vittoria di Cristo).

Da sottolineare la presenza, tutt'altro che casuale, delle lettere greche alfa e omega (l'inizio e la fine) da ricollegare esclusivamente alla figura del Redentore.

Come ci si arriva e gli orari di apertura

Il Battistero paleocristiano di San Giovanni in Fonte è collocato nel cuore del centro storico di Napoli ed è pertanto facilmente raggiungibile sia a piedi che con la metro. L'accesso alla struttura avviene direttamente dalla Basilica di S. Restituta, edificata all'interno dell'imponente Duomo; chi volesse visitarla, può farlo durante tutti i giorni della settimana dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 19.30, fatta eccezione per la domenica, che segue invece i seguenti orari: 8:00-13:00 / 16:30-19:30,