Sono giorni molto caldi per quanto riguarda le ultime novità sulle #Pensioni anticipate, e per tutti i lavoratori che vogliono andare in pensione, magari raggiunti i 41 anni di contributi (precoci e non). Oltre ad attendere l'incontro tra Sindacati e Governo che avverrà il prossimo 21 febbraio, a Torino è stata anche organizzata una manifestazione per protestare contro il Governo che ha stanziato soldi per salvare le banche, ma ha negato la quota 41 estesa per "mancanza di fondi". Vediamo allora tutti i dettagli della manifestazione.

Pensione precoci e ultime novità 15 febbraio: 'quota 41 per tutti' organizza manifestazione

Il prossimo passo della protesta dei lavoratori contro il Governo, sarà a Torino, con un presidio organizzato dal gruppo facebook "Quota 41 per tutti lavoratori uniti".

Pubblicità
Pubblicità

Nel loro manifesto la richiesta è quella di avere lavoro e pensioni per tutti, e viene spiegato che "ci mobilitiamo per protestare contro il Governo che ha stanziato 20 miliardi di euro per salvare le banche, mentre ha negato ancora la possibilità di pensionamento per tutti con 41 anni di contributi, giustificandolo con la mancanza di Risorse". L'appello si conclude poi spiegando che "La vita delle persone vale più delle azioni e degli utili delle banche". Per questo motivo l'appuntamento per tutti coloro che sono interessati è il 18 febbraio 2017 alle ore 10:00 del mattino a Torino, davanti al grattacielo di Intesa San Paolo, sito in corso Inghilterra 3. Il presidio dovrebbe durare dalle 10 alle 13, e al momento sono oltre 500 gli invitati. Maggiori dettagli sono consultabili sulla pagina dell'evento creata su facebook cercando " Presidio Comitato Piemonte".

Pubblicità

Ultime Pensioni anticipate e precoci, parla Calosi: 'Abolire la Fornero'

Intanto, nell'attesa dell'incontro tra Sindacati e Governo per cercare di fare il punto sulle pensioni dei giovani che in futuro rischiano di esser senza, Daniele Calosi della Fiom ribadisce l'idea del sindacato per cui "La mancanza di lavoro giovanile e la delusione dei lavoratori più anziani è da attribuirsi alla Legge Fornero". Per il segretario della Fiom solo l'abolizione di questa legge può garantire il turnover generazionale necessario al paese per ripartire. Per le prossime notizie sulle pensioni dei precoci e più in generale sulla pensione anticipata, potete cliccare segui in alto!