Il sindaco di Bari Michele Emiliano esce allo scoperto sul suo profilo Facebook e dice la sua sull'attuale situazione politica del paese, soffermandosi a rispondere a tutti i quesiti di chi gli ha scritto nel corso di queste delicate settimane.

"Ho sostenuto Bersani alle primarie con grande convinzione dicendo di no a Renzi, molti vicini a me hanno votato per lui e io non ho cercato di dissuaderli, Bersani e Renzi non sono avversari ma compagni dello stesso partito".

Apre subito con una riflessione doverosa in questo momento politico e in modo particolare all' interno del PD dove pare che internamente non si riesca a giungere a una serenità, poi chiarisce: "Bersani dopo l' esito infelice delle elezioni ha sbagliato molto, forse tutto, io ho chiesto le sue dimissioni e lui si è dimesso chiudendo la sua parabola politica.

Pubblicità
Pubblicità

Non è stato determinato nel dare vita a un governo di cambiamento con il M5S, ha sbagliato nel bruciare le candidature di Rodotà e Prodi alla Presidenza della Repubblica, poi ha accettato accordo con Berlusconi prima su Marini e poi su Napolitano."

Sembra quanto mai determinato e deciso il sindaco barese che da sempre ha strizzato l' occhio al gruppo grillino e che accusa proprio lo stesso Bersani di non essere riuscito a trovare un punto di contatto con il nuovo schieramento politico.

E proprio sulla direzione da dover prendere in questo momento suggerisce: "Non c'è contraddizione tra il mio sostegno a Renzi e la mia vicinanza politica al Movimento 5 Stelle, Renzi ha posizioni non distanti dal movimento e propone come loro l' abolizione totale del finanziamento pubblico dei partiti, rappresenta la rottura del vecchio regime che da sempre domina il PD.

Pubblicità

La candidatura di Renzi è la più compatibile con il desiderio di rinnovamento, sono contrario alle allenaze ma non escludo che i due partiti votino insieme le riforme necessarie del paese".

Michele Emiliano concreto nell'esporre la realtà politica dei fatti, un PD che ha bisogno di rinnovamento personificato dalla nuova corrente renziana dotata dell' energia e della freschezza giusta per emergere. Non esclude un lavoro di cooperazione con la corrente grillina per il "bene del paese" nel tentativo di ripristinare una situazione accettabile del governo italiano. #Matteo Renzi #Sondaggi politici