Si è svolta oggi alla #Camera dei Deputati la votazione della fiducia al #Governo Renzi. I lavori sono iniziati questa mattina alle ore 10 con ben 51 deputati iscritti a parlare nel dibattito. Nessuna grossa sorpresa si è verificata, la fiducia era in una botte di ferro vista la larga maggioranza che, dopo le consultazioni, ha deciso di sostenere il governo.

Civati e Fassina seppur con dei distinguo hanno deciso di votare la fiducia, il primo sottolineando il disagio su come si è venuto a formare l'esecutivo, il secondo dichiarando che la sua non è una fiducia in "bianco", ma da confermare dopo ogni singolo provvedimento.

Pubblicità
Pubblicità

Acclamati dall'emiciclo gli onorevoli Quintarelli e Bersani, reduci da una lunga convalescenza. Primo pensiero dell'ex leader Pd all'amico Enrico Letta.

Previsti i commenti molto negativi da parte del Movimento 5 Stelle che hanno sottolineato il conflitto di interessi da parte dei nuovi ministri Guidi e Poletti e l'inadeguatezza del nuovo Primo Ministro (è annunciata la sfiducia individuale nei prossimi giorni per i nuovi titolari dei dicasteri del Lavoro e Sviluppo Economico). Anche la Lega Nord ha usato parole di fuoco contro il governo (è intervenuto anche l'onorevole Bossi) e confermato il proprio no alla fiducia.

Analogamente, ma con toni più concilianti, hanno detto no alla fiducia i gruppi di Forza Italia, Sinistra Ecologia e Libertà e Fratelli d'Italia. Fiducia piena da parte del Partito Democratico, Socialisti, Scelta Civica, Centro Democratico, Svp e Maie.

Pubblicità

Il Presidente, parlando come di consueto a braccio, ha esordito evocando del suo primo ricordo relativo all'aula della Camera, ossia il giorno dell'elezione del Presidente Sandro Pertini. Ha ricordato la buona politica fatta dai Giorgio La Pira, Moro, Berlinguer e i momenti più bassi, per lui coincidenti con la strage di Capaci.

Ha ribadito il fatto che la "sua" generazione non ha più alibi, che è giunto il momento di agire, sottolineando tutti i rischi che comportano questo carico enorme di responsabilità.

Segnalando come l'Italia viaggi a velocità ridotta rispetto all'Europa che a sua volta vede correre il resto del mondo, si è "lanciato" nell'esposizione del programma di governo.

Occorre sfruttare l'opportunità del semestre europeo, inseguendo il progetto degli Stati Uniti d'Europa, riprendendo tutto quello di buono che può dare e non solo gli aspetti negativi, troppe volte enfatizzati in modo erroneo in quanto inesistenti. L'Italia non si fa dettare la linea ma deve esserne una guida.

Pubblicità

Il Premier vuole affrontare i temi del lavoro, fisco e pubblica amministrazione oltre agli "inflazionati" temi su Senato ed Enti Locali. Argomento più caro però, come già affermato al Senato, è la pubblica istruzione e l'edilizia scolastica, proponendosi di investire già nell'estate 2014.

Si è scagliato contro le rendite di posizione, piaga della nostra nazione, causa dei tanti disoccupati, affermando che è necessario rivoluzionare il sistema esistente anche grazie a manager capaci come il neo ministro Poletti che ha voluto al suo fianco.

Semplificare e snellire la Pubblica Amministrazione per agevolare la vita dei cittadini, per eliminare ostacoli che rendono l'Italia seriamente in difficoltà nella concorrenza con gli altri Paesi è un altro degli obiettivi.

Dei 630 deputati chiamati al voto per la concessione della fiducia al Presidente del Consiglio sono assenti 31 aventi diritto. I votanti sono quindi 599, dei quali hanno votato 378 sì e 220 no, 1 astenuto. Il governo Renzi ora è realtà. #Matteo Renzi