Ecco l'esito degli ultimi #Sondaggi politici elettorali condotti ed elaborati dall'istituto Tecnè e divulgati il 20 marzo 2014 da TgCom 24. Le intenzioni di voto degli italiani vedono meno bene un partito come #Forza Italia senza Berlusconi leader, mentre continuano ad avere fiducia nel #Pd, ovviamente per la figura di Renzi. Per lo stesso effetto probabilmente cala anche il dato del M5S di Grillo.

Per chi fosse interessato all'articolo relativo ai sondaggi Tecnè per le Elezioni Europee che include anche Tsipras, clicca qui.

Vedremo le intenzioni di voto ai partiti, l'effetto sulle coalizioni anche in proiezione dell'attuale legge elettorale Italicum approvata per adesso solo alla Camera, terremo dunque conto della soglia di sbarramento e di quella minima necessaria per ottenere il premio di maggioranza.

Pubblicità
Pubblicità

Infine, non mancherà il confronto con i sondaggi Tecnè della scorsa settimana.

Ultimi sondaggi politici elettorali Tecnè - TgCom24 di marzo 2014

Impennata del PD che sale di quasi 2 punti e che viene indicato al 31,4%. Scende Forza Italia al 24,1%, in netta flessione dell'1,1%. Il M5S perde anch'esso di oltre mezzo punto e scende al 20,6%.

Nessun altro partito riesce nemmeno ad avvicinarsi alla soglia di sbarramento attuale del 4,5%. Infatti il Nuovo Centrodestra è al 3,7% quasi stabile, perde la Lega (-0.3) che scende al 3,5%. Segue SeL con il 3,1 salendo dello 0.3%, Viene così sorpassato il partito Fratelli d'Italia che dal 3,3% scende al 3,0%. flessione anche per l'UdC che cala al 2,0%, infine l'insieme delle forza politiche minori raccoglie il 5,0% (+0.2). Preoccupante il dato degli incerti che tuttavia cala di 3 punti ma resta alto con il 46,6%.

Pubblicità

Passiamo all'effetto di questi sondaggi Tecnè sulle coalizioni presunte. Il Centrodestra crolla di 2 punti e scende al 36,8% tornando sotto la soglia minima del 37%. Il Centrosinistra sale di oltre 2 puntie mezzo arrivando al 36,7%, praticamente parità assoluta e ballottaggio. Ovviamente fuori dai giochi il Movimento 5 Stelle che senza alleanze è utopistico che possa ottenere il premio di maggioranza.