Si profila all'orizzonte l'ennesima polemica ai danni del Presidente del consiglio #Matteo Renzi, che questa volta è stato pizzicato con un video mentre si trovava nei pressi del bosco di Capodimonte (in provincia di Napoli) e venuto a contatto con un'anziana signora del posto, se ne libera in maniera sbrigativa nonostante l'evidente stato di disperazione della donna in pensiero per il nipote rimasto senza lavoro.

L'anziana: "mio nipote dovrà lasciare il paese", ma Renzi la liquida velocemente

Più nello specifico osservando la riproduzione dell'accaduto si coglie lo strazio in cui versa la signora, la quale prova a chiedere aiuto al premier e segretario del Partito Democratico, per una questione che ovviamente che le sta a cuore, ossia il futuro del proprio nipote costretto a cercare lavoro in un paese diverso dall'Italia.

Pubblicità
Pubblicità

Questo il breve ma significativo dialogo fra l'anziana e Renzi, inizia la donna: "Un ragazzo di 31 anni che va a fare all'estero?", a questa battuta il premier risponde: "è suo figlio?" e la signora replica: "è mio nipote, dovrà andare fuori da questo paese e la madre piange". Di fronte a questo racconto straziante, che testimonia tutte le problematiche a cui i giovani italiani vanno incontro nel nostro paese, il premier non si lascia troppo commuovere e dopo aver dato una sorta di buffetto alla signora, prosegue per la sua strada esclamando: "non la mandiamo via, ora però mi reco a salutare i poliziotti".

Insomma, Renzi ha liquidato la questione, che si faceva chiaramente parecchio scomoda, in maniera rapida e senza lasciar troppo spazio a sentimentalismi o messaggi di incoraggiamento all'anziana visibilmente scossa.

Pubblicità

Ecco il video che testimonia l'accaduto, che secondo molti mostra una certa noncuranza del premier nei confronti della donna:

Dopo aver visto questo filmato, voi che idea vi siete fati? Il premier si dimostra troppo insensibile ai problemi dei cittadini o pensate che abbia fatto bene a non dare troppo peso all'accaduto? Diteci la vostra nella sezione commenti. #Governo