Arrestato questa mattina il capo del personale della giunta romana Raffaele Marra, con l'accusa di aver incassato una tangente per l'acquisto di una casa dall'Enasarco. L'episodio risale ai tempi della giunta Alemanno, periodo in cui Raffaele Marra era direttore delle politiche abitative del comune e capo del Dipartimento del patrimonio e della casa.

L'indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Ielo, era iniziata a causa di acquisti immobiliari effettuati dall'ex finanziere Marra da privati e da enti a prezzi stracciati.

Coinvolto un famoso costruttore romano

L'ordinanza è stata firmata dal gip Tomaselli su richiesta della Procura di #Roma, e ha coinvolto anche un importante costruttore romano, Sergio Scarpellini, accusato di aver fornito a Marra i soldi necessari ad acquistare un appartamento Enasarco a un prezzo scontato rispetto all'effettivo valore.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta dell'ennesimo colpo assestato alla giunta romana del Movimento 5 Stelle a pochi giorni dalle dimissioni di Paola Muraro, assessore all'ambiente, in seguito ad un avviso di garanzia.

Roma si chiede il perché

Nella capitale monta la rabbia non solo da parte delle opposizioni politiche, ma anche dell'intera società, soprattutto per la difesa estrema che la sindaca #Raggi ha attuato nei confronti di Marra, ponendosi contro il suo stesso partito. Il popolo romano si chiede: "Perché?".

Raffaele Marra è un ex finanziere che, ai tempi della giunta Alemanno, ha ricoperto un incarico di dirigente comunale. In seguito è passato prima alla Regione e poi alla giunta Raggi, diventando il braccio destro dell'attuale prima cittadina di Roma.

Grande delusione del M5S

Rimane il dato di fatto che il governo di Roma, posto sotto la guida dei 5 Stelle, finora non ha dato nessun segnale di quella trasparenza e rinascita che erano state promesse dal Movimento durante la campagna elettorale, in linea con le sue ideologie.

Pubblicità

Nell'ultimo periodo è stata diffusa dai giornali la notizia dei guadagni esorbitanti della Raggi, che supererebbero addirittura quelli del Presidente del Consiglio. Inoltre abbiamo assistito all'inchiesta riguardante tutte le nomine fatte dalla giunta Raggi, con accusa di abuso d'ufficio. E come se non bastasse, oggi è arrivata la notizia dell'arresto di Marra e Scarpellini. Anche se i fans del Movimento continuano a difendere i "grillini", non crediamo che siano contenti della situazione attuale. #indagini