Il tema degli #Stipendi percepiti in #rai è da sempre sensibile per l'opinione pubblica, ciò in quanto l'emittente televisiva è un'azienda pubblica finanziata dai contribuenti mediante il pagamento del canone, per questo il documento reso noto oggi contenente le pesanti cifre percepite dai conduttori desta parecchio clamore.

Rai, ecco nomi e cifre dei conduttori più pagati

Dunque, dopo la rivelazione dei cachet percepiti a Sanremo, ecco i nomi di coloro che hanno stipulato contratti milionari secondo quanto rivelato dal quotidiano La Stampa. La più pagata fra i big della tv Rai è Antonella Clerici, infatti la conduttrice della Prova del cuoco ha stipulato un nuovo contratto da 3 milioni di euro lordi per 2 anni, dunque annualmente le spettano 1,5 milioni.

Poco sotto la sua collega si posiziona Flavio Insinna che porta a casa 1 milione e 420 euro ogni 12 mesi, subito dopo si piazza la giornalista Lucia Annunziata, che con la sua trasmissione In mezz'ora su Rai 3 guadagna 1 milione e 380 mila euro in tre anni (vale a dire 460.000 € l'anno), per collaborare esclusivamente con la Rai.

Pubblicità
Pubblicità

Gli altri nomi altisonanti e con compensi elevati sono quelli di Piero Angela che per un periodo di 4 anni ha intascato 1.380.000 € per la sua collaborazione di carattere scientifico e storico nel programma Superquark, ma anche quelli di due presentatori controversi di talk show politici: Michele #santoro e Bruno Vespa. Il primo costa all'azienda televisiva 2 milioni e 700 mila euro per il suo ritorno, mentre il conduttore di Porta a Porta percepisce la somma di 89.250 € per ogni puntata messa in onda.

Queste cifre stanno già innescandoo diverse polemiche, soprattutto in rete, dove molti si chiedono se sia giusto spendere tali somme per una tv pubblica. Dopo aver letto dei compensi percepiti dai principali conduttori Rai, pensate che si tratti di cifre comprensibili o che i compensi dovrebbero essere più bassi? Diteci la vostra nell'apposita sezione commenti e restate aggiornati su tutte le ultime news.

Pubblicità