Vuoi per gli stravolgimenti climatici, vuoi per la caccia spietata di bracconieri senza scrupoli che attuano il commercio illegale di pelli, avorio e organi, vuoi per le continue deforestazioni per il commercio illegale di legno o la fabbricazione di mobili e carta, vuoi per il naturale ciclo di vita degli stessi, molti animali sono a rischio estinzione Entro il 2050. una data che è solo apparentemente lontana, ma in fondo si tratta di soli 35 anni. A metterlo in evidenza, singolarmente per i casi di ogni singolo animale, sono ormai diversi studi, ma ora La Sapienza ha individuato un numero preciso di quanti rischiano di sparire per sempre dalla faccia della Terra: ben 440 specie.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Conservation Letters. Vediamo le specie più a rischio.

Le tante specie a rischio

Sul web sono tre le specie animali sottolineate dal rischio estinzione poste dallo studio: le tigri, i rinoceronti e i panda. Quest'ultimo, non a caso, è stato da anni scelto dall'associazione ambientalista più importante del Mondo, il WWF, come simbolo. Ma lo studio ne segnala, come detto, 440. Il portale Tuttogreen, specializzato in tematiche ambientali, lancia l'allarme infatti anche per giraffa, foca monaca, renne, i diavoli della Tasmania, le specie marine dell'Antartide, i lemuri, il delfino rosa, le api, l'ermellino, l'orso bruno, le farfalle, i pinguini africani, le tartarughe carretta carretta, i salmoni, le lontre marine, il lamantino, il tonno rosso, la balena grigia, i koala.

E si potrebbe ancora continuare…

Cosa fare?

Per i ricercatori, si dovrebbe attuare il Consumption Change, cioè un cambio delle abitudini socio-economiche dell'uomo, al fine di ridurre i consumi e le emissioni pro-capite di CO2 nei Paesi sviluppati. Ma anche combattere i crimini ambientali. Per questi ultimi, giocano un ruolo da protagonisti negativi anche le organizzazioni terroristiche, che si finanziano anche grazie ad essi.

Molto attive sono Al Qaeda, l'Isis, i Talebani e Boko Haram. Vediamo se questo ennesimo allarme servirà a qualcosa.

Segui la nostra pagina Facebook!