A Napoli la febbre calcistica è già iniziata da tempo, ed ad ogni acquisto importante i tifosi "pseudofamosi" regalano al folcloristico pubblico azzurro le loro simpatiche perle canore. Ciò avviene ormai da tempi tanto antichi da essere ricordati dai nostri nonni, con calciatori del calibro di Sivori e Altafini. Negli anni 80 poi si è assistiti al tormentone immortale riguardante "el pibe de oro" Maradona ed in tempi recenti la cosa si è ripetuta per Hamsik e soprattutto per Cavani.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale SSC Napoli

Era nell'ordine naturale delle cose dunque che ciò avvenisse per il nuovo idolo dei tifosi Gonzalo Higuain. La nuova canzone è opera del cantante neomelodico Savio Cavalli che ha presentato ai microfoni di Radio Marte, durante la conduzione di Gianni Simioli, il brano in questione.

La canzone, rigorosamente in dialetto napoletano, fa i consueti accostamenti con l'illustre predecessore Maradona suo connazionale ed è arrangiata sulle note di Rhythm of the Night di Corona ed intervallata da altri piccoli famosi intermezzi musicali che la rendono una sorta di puzzle melodico dal tono decisamente demenziale. Nel testo si sprecano anche i riferimenti agli sfottò delle altre tifoserie che ritenevano il Napoli in calo dopo la partenza del matador uruguaiano.

Canzone a parte, oggi il Napoli ha invece steccato nella terza uscita dell'Emirates Cup, seconda a Londra, perdendo 3 a 1 contro il Porto. Decisivo ancora il calo fisico nel secondo tempo, ma l'impressione più calda è che, Higuain a parte, gli azzurri necessitino di qualche altro rinforzo in difesa. Se ciò dovesse avvenire, siamo sicuri che una nuova canzone non tarderebbe ad arrivare.

I migliori video del giorno