Nonostante le polemiche della vigilia su dove dovesse essere disputato il match lasciassero pensare ad una guerra sportiva, la finale di Supercoppa non ha avuto storia, con la Juventus a dominare ed imporre il proprio gioco su una Lazio volitiva ma praticamente inesistente dalle parti di Buffon.



Al 20esimo del primo tempo Conte ha dovuto sostituire l'infortunato Marchisio con Pogba, e proprio il nuovo entrato tre minuti dopo ha sfruttato un intelligente calcio piazzato di Pirlo beffando Marchetti con un preciso fendente indirizzato all'angolino basso.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus





La prima frazione è parsa sostanzialmente equilibrata, con la Juventus ad amministrare il gioco e la Lazio a rendersi pericolosa soltanto in un caso, quando un bel traversone dalla destra di Candreva ha attraversato tutta l'area di rigore senza però essere intercettato dai compagni.





La musica è completamente cambiata nella ripresa, quando nel giro di sei minuti (dal settimo all'undicesimo) gli uomini di Conte hanno messo a segno tre reti mettendo definitivamente la parola fine all'incontro (a segno Chiellini, servito da uno straordinario Lichtsteiner, lo stesso Lichtsteiner, lanciato in rete da un uno/due con Vucinic, e Tevez su assist di Pogba).



Il resto è stato ordinaria amministrazione, con Klose a sfiorare il gol prima con un bel colpo di testa e poi palla al piede a tu per tu con Buffon che ne ha però intuito e respinto la conclusione rasoterra; anche la Juventus ha nuovamente sfiorato la marcatura con Vidal (autore di una prestazione sontuosa) che solo davanti a Marchetti ha però tirato debolmente facilitandone l'intervento.

Per la Juventus certamente un bella iniezione di fiducia in vista dell'imminente esordio in campionato contro la Sampdoria; da rivedere invece la Lazio, apparsa un po' troppo sottotono negli uomini migliori (Hernanes su tutti) che nell'esordio in campionato se la vedrà contro l'Udinese di Guidolin.

I migliori video del giorno