Mario Balotelli è stato ammonito per aver ha reagito agli insulti del pubblico dello Stadio Sant'Elia di Cagliari, con un gesto volgare con le mani. L' atto ha causato la sua squalifica. Completa il quadretto Radja Nainggolan con le parolacce ai tifosi del Milan all'aeroporto di Cagliari.

Il fatto

Balotelli è recidivo. Ricordiamo quando l'anno scorso, allo stadio di Is Arenas di Cagliari, segnò il goal dell'1-1: il centrocampista del Milan non esitò a sollevare il dito portandolo al naso per zittire il pubblico sardo, senza avere conseguenze, ma stavolta è tutta un'altra storia.



Dopo il goal dell'1-1, all'86 minuto della partita contro il Cagliari, Balotelli ha portato le mani verso le parti intime, provocando l'ira e il disprezzo dei tifosi del Cagliari, che per tutta la partita lo hanno insultato e fischiato. L'arbitro lo ha ammonito.

Il gestaccio volgare e offensivo ha fatto guadagnare a Balotelli la squalifica e salterà la quinta partita per una precedente squalifica in seguito alle tre giornate dell'espulsione contro il Napoli e il quarto giallo avuto contro la Fiorentina. Insomma, Balotelli giocherà ancora?



Ma non finisce qui: "i 20 coglioncelli di Radja Nainggolan"

Non finisce certo tutto con un gesto volgare contro i tifosi del Cagliari. All'aeroporto di Cagliari, Radja Nainggolan, centrocampista della Roma, ha incontrato  circa venti tifosi del Milan che hanno inveito contro di lui dichiarandolo "romanista pezzo di merda".



Stando ai racconti su Twitter di Nainggolan, il centrocampista ha dovuto difendersi fino all'arrivo della Polizia, senza commentare il comportamento dei tifosi come "coglioncelli" solo perché erano in maggioranza, mentre loro erano in tre. Un episodio imbarazzante che fa ancora riflettere sulla problematica della violenza agli stadi.
Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto